Tv

Doveva essere la Rai del rinnovamento, quella del passo indietro della politica. Invece è quella di sempre. Tanti auguri al nuovo cda.

Continue reading about Raisiko

I droni, la famiglia Weinstein, Al Qaeda: negli Usa si parla di questo, non dei ritardi di Obama nel comunicare all’Italia la morte di Giovanni Lo Porto.

Continue reading about Little Italy

Milan, Mediaset e Forza Italia hanno una cosa in comune: il marchio funziona ancora, la sostanza si sta svuotando. 2 su 3 si possono vendere, la terza no.

Continue reading about AAA Vendesi impero

Il Patto del Nazareno è vivo, anzi no. L’offerta di Berlusconi per le torri della Rai è solo una vicenda di mercato?

Continue reading about La scalata

Sky vince la gara dei diritti tv, Mediaset spera di aggiustare il tutto all’italiana. Non è un problema di calcio, ma di Paese.

Continue reading about All’italiana

8 cosette veloci a caldo, buttate giù dopo questa edizione di MasterChef. Che ha insegnato, a chi sa leggerle, diverse cose sulla televisione.

Continue reading about Quel che resta di MasterChef

L’ultima polemica si chiama Moreno, e stavolta non è l’arbitro ecuadoriano dei mondiali in Corea del Sud ma il rapper di Amici invitato a chiudere la festa Pd di Genova. Una bella polemica interna del filone Fonzie: la seconda puntata della stagione attuale, se si parte dall’episodio Renzi-De Filippi; l’ennesima, se si guarda un po’ […]

Continue reading about Il piano inclinato

Momentaccio per la Lega: ha portato il caso Shalabayeva in Aula, parla di imprese, ma fa notizia solo se insulta gli immigrati. E Mediaset la ignora.

Continue reading about La Lega all’angolo

Anche un pennivendolo può essere candidato al Quirinale, sogghignavano ieri le redazioni alla notizia che il Movimento 5 Stelle aveva scelto di votare Milena Gabanelli. Era la rivincita della categoria dopo mesi di insulti: sgherri, stalker, specialisti della macchina della merda, pretoriani del sistema, feccia alternativa alla feccia della politica, l’ultima barriera della casta prima […]

Continue reading about Un pennivendolo sul Colle

“Guardi, mentre rivendico l’esperienza del primo governo Prodi come una fase felice, di grande impegno sociale e grandissimi scherzi telefonici, il secondo governo Prodi è stato invece un pieno di amarezza, di frustrazione e di rammarico: il Centrosinistra aveva vinto per un pugno di voti e ho dovuto improvvisamente diventare responsabile, dalla sera alla mattina, […]

Continue reading about Il voto dilettevole