vincenzo de luca campania

C’era una volta un aspirante governatore, condannato per un abuso d’ufficio alcuni anni prima, desideroso di candidarsi alla guida della propria Regione. La condanna non era per un reato grave, ma poteva essere comunque rischiosa: sia politicamente, perché avrebbe potuto premiare le forze antisistema, sia giuridicamente, perché l’aspirante governatore condannato sarebbe stato a rischio di decadenza. Si cercò di convincerlo con le buone a desistere, ma accadde il contrario: fu lui, con la propria forza elettorale, a convincere il leader del partito a ritirare dalle primarie un candidato più gradito.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , ,

renzi marino

Una legge non scritta della politica dice che, se vuoi sopravvivere, devi adeguarti al vento. E se il vento cambia – come capita spesso, e come sta capitando ora – devi cambiare anche tu: possibilmente al primo soffio, e comunque mai troppo tardi. Per semplificare: è quello che Renzi ha fatto con Marino, è quello che una parte del Centrosinistra (anche interna al Pd) sta facendo con il presidente del Consiglio.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , ,

venezia sindaco brugnaro

Ci saranno mille attenuanti da tirare fuori nei prossimi giorni, se Renzi vorrà minimizzare la sconfitta di Venezia: potrà prendersela con Orsoni, il precedente sindaco, coinvolto nella vicenda delle tangenti sul Mose; oppure potrà scaricare la colpa sul candidato del Pd, Casson, che al Senato era stato tra i suoi principali oppositori. Ma la realtà è che lo schiaffo brucia, in una tornata di ballottaggi che non avrebbe dovuto dire molto a livello nazionale e che invece – si pensi anche alle sconfitte simboliche in Toscana – ha confermato le intuizioni di due settimane fa: governare logora e la luna di miele è finita da un pezzo.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

ignazio marino roma sindaco

I titoli sul calciomercato servono soprattutto a vendere giornali, in un periodo in cui il campionato è fermo: il tifoso lo impara da giovane ma ogni volta ci casca, senza riuscire a distinguere le notizie vere da quelle montate. Una cosa del genere sta succedendo con Mafia Capitale, dove le fattispecie di reato si mischiano con qualche nome buttato in mezzo, preso da un’intercettazione in cui magari veniva solo citato a propria insaputa oppure – la telefonata della segreteria di Marino a Buzzi sul progetto di Leroy Merlin per il sociale ne è l’esempio lampante – stava solo facendo seriamente il proprio lavoro. Al lettore (e all’elettore) medio, poi, risulta difficile distinguere: resta in bocca un sapore di magna magna indistinto, che ti porta a non votare per lo sdegno oppure, se proprio devi farlo, a scegliere le forze antisistema. E se si votasse oggi a Roma, dicono tutti, i Cinquestelle vincerebbero in carrozza.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , ,

refugees asylum seekers mediterranean unhcr

Uscite come quella di Roberto Maroni, intenzionato a penalizzare finanziariamente i Comuni lombardi che accoglieranno immigrati in arrivo da Lampedusa, te le aspetteresti da Matteo Salvini: da uno, cioè, che non ha ancora responsabilità di governo né le ha mai avute, e che per il momento si limita a cercare consenso facile bussando alla pancia degli elettori. Ma in bocca al governatore di dieci milioni di italiani, che nella vita ha ricoperto anche la carica di ministro dell’Interno e ha gestito l’emergenza, un approccio del genere è davvero incomprensibile: a meno che non si cerchi di comprenderlo con logiche politicanti, che con le politiche di accoglienza e con la vita stessa delle persone hanno ben poco a che fare.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

de luca impresentabili campania legge severino

I titoli dei giornali, i talk show televisivi, le battaglie su twitter a colpi di hashtag, i tormentoni su Facebook e tutto il resto; ma poi, quando si va a votare, il dibattito sugli impresentabili scompare nel nulla. “All’inizio avevamo vissuto il tema con una certa preoccupazione – spiega Lorenzo Pregliasco di Quorum, la squadra di spin doctor ingaggiati da Vincenzo De Luca per l’ultima fase della campagna elettorale in Campania – ma ci siamo accorti subito di quanto poco interessasse al cittadino comune. Un po’ per mancanza di informazione, un po’ perché alla fine i motivi che spingono a mettere la crocetta su un candidato sono quelli che hanno più impatto sulla vita quotidiana delle persone”.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , ,

regionali 2015

Sarebbe frettoloso giudicare la tenuta di una maggioranza e la forza delle opposizioni sui risultati di ieri: ci si può limitare soltanto a qualche spunto, per un paio di motivi. Il primo è che il voto alle Regionali è forse quello in cui l’opinione pesa di meno: capita spesso che siano i candidati nelle varie liste a trainare il consenso per i partiti e non viceversa. Il secondo è che, comunque, si votava soltanto in un pezzo d’Italia: tolte alcune sfide segnate (Toscana e Veneto su tutte), il vero dubbio era capire se ci sarebbero state grandi sorprese rispetto alle previsioni. La risposta è nì: Renzi non può stappare champagne, ma probabilmente già lo immaginava.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

chiesa referendum matrimonio gay irlanda

Se le parole sono pietre, e certe volte lo sono davvero, quelle del segretario di Stato vaticano sul via libera irlandese ai matrimoni tra persone dello stesso sesso hanno colpito in faccia un bel po’ di gente. E alla Chiesa è stato rinfacciato il medesimo atteggiamento che Gesù, nel capitolo 8 del Vangelo di Giovanni, rimprovera a scribi e farisei di fronte alla donna sorpresa in adulterio e destinata alla lapidazione: un brano quasi fastidioso per alcuni – certi esegeti lo contestavano anche ai tempi del Concilio di Trento – che si inserisce in una discussione sul rapporto tra legge e peccato.  La nota conclusione (“Chi di voi è senza peccato scagli per primo la pietra contro di lei”) fa venire in mente la frase di Papa Francesco sull’aereo di ritorno dal Brasile: “Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?”.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , ,

touil bardo attentato barconi

Di casi come quello di Abdel Majid Touil, e non da ora, le campagne elettorali sono piene. Si potrebbe dire, anzi, che ne è piena la politica stessa: un po’ perché si basa molto più sulle emozioni che sulla razionalità, un po’ perché ha tempi così veloci che tutto il resto – giustizia compresa – arriva sempre in ritardo. Il governo di Tunisi continua a dire che il ragazzo arrestato in Italia ebbe un ruolo importante nell’attentato al museo del Bardo; i pm sembrano invece convinti del fatto che, proprio in quei giorni, non si sia mosso dal nostro Paese. Ci vorrebbe dunque un supplemento d’indagine per avere chiarezza sulla vicenda. Ma la politica, che tempo non ha mai, ha già emesso il proprio verdetto.

Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , ,