Prostituzione

Se questo è il nuovo corso della Lega, andiamo davvero male, perché quello che è successo oggi a Verona ha dell’incredibile. L’ordine di scuderia, mi sembra evidente, è quello di alzare la voce sui temi più cari: sul fronte politico la secessione, sul fronte sociale gli immigrati. E sarà così, temo, da qui alle prossime […]

Continue reading about La Lega addosso

Nella lettera inviata al Foglio e poi pubblicata, a testate unificate, pure da Libero e dal Giornale, Berlusconi – o chi per lui, presumibilmente lo stesso Ferrara – scrive una cosa che, lì per lì, mi aveva fatto meno effetto: “Non ho mai fatto nulla di cui debba vergognarmi”, premette, per poi aggiungere che il […]

Continue reading about Non, je ne regrette rien

Uno può trovare tutti i sinonimi che vuole, ma io un posto del genere lo chiamo carcere. Un posto, voglio dire, con grate alte una decina di metri, e 27 telecamere che vigilano 24 ore al giorno, e soldati dell’esercito a controllare i monitor, e poliziotti a darsi il cambio con carabinieri e Guardia di […]

Continue reading about LasciateCIEntrare

E così per 12 voti, quelli dei ministri, Silvio Berlusconi si è salvato dalle grinfie dei giudici di Milano. Che volevano mettere il becco in un affare di Stato tra noi e l’Egitto, ma per fortuna dell’Italia la Camera glielo ha impedito. Li hanno fermati il Pdl, la Lega, i responsabilissimi responsabili, più qualche acquisto […]

Continue reading about La pagnotta

Radio Transatlantico riferisce di alcuni sms giunti nelle scorse ore ai telefonini dei cosiddetti Responsabili: se Saverio Romano non fosse salito al Quirinale entro la giornata di oggi, per giurare da ministro, i deputati del gruppo avrebbero avuto libera la mattinata di domani. Detta in altri termini: no poltrona, no voto favorevole alla risoluzione sull’intervento […]

Continue reading about Un governo solido

Avrei dovuto capirlo da solo, che prima o poi sarebbe toccata anche a me: mi sarebbe bastato rileggere Pietro Nenni, quando diceva che “c’è sempre uno più puro che ti epura”, e magari me ne sarei stato zitto. Troppo tardi: prima la nemesi si è abbattuta su Nichi Vendola, fotografato nudo su una spiaggia di […]

Continue reading about Autodafé

Per quanto festosa possa essere, o almeno così dicono i giornali, la grande manifestazione di oggi a me mette una tristezza enorme: non la manifestazione in sé, si capisce, ma il solo fatto che ce nell’Italia di oggi ci sia bisogno di scendere in piazza per ribadire cose che dovrebbero essere normali. Mi sembra di […]

Continue reading about Etsi Silvius non daretur

Mi aspetto dalla Chiesa un no definitivo: una pietra tombale, che chiuda il discorso una volta per tutte. Che tolga ogni dubbio, insomma, su una cosa che i nostri vescovi sanno benissimo da tempo: e cioè, che Silvio Berlusconi è unfit, e qualunque altro esponente politico dell’arco costituzionale lo sarebbe meno di lui, a informare […]

Continue reading about La pietra tombale

Dice l’intercettazione che una volta entrate nella villa bisogna essere pronte a tutto, se no si prende un taxi e si torna a casa. E noi lì, con l’aiuto dei giornali, a chiederci se questo significasse travestirsi da porno infermiere o da poliziotte in topless: senza aver capito che, dietro quelle parole, c’era molto di […]

Continue reading about Estote parati

Mi dispiace per il procuratore Grasso, che teme contraccolpi sulle indagini per mafia, ma sulla liberalizzazione del wi-fi non c’è proprio niente da dire: l’unica colpa del governo, semmai, è quella di essere arrivato tardi, dopo una serie innumerevole di appelli da ogni parte politica e soprattutto dall’esterno. A parte questa misura, però, il resto […]

Continue reading about Sfumature