Primarie

Accordo generico sul Senato e unanimità grazie alle assenze: non è pace improvvisa, né è detto che duri, ma comunque sulle riforme il Pd (per ora) non si scanna, perché non conviene a nessuno.

Continue reading about Tregua, finché dura

La Campania come l’Emilia Romagna e la Liguria: non potendo controllare le primarie, Renzi cerca di non perderle. Ma la politica locale è un altro sport.

Continue reading about Alla periferia dell’impero

Le primarie in Liguria lasciano cicatrici nel Pd, anche per come Renzi ha liquidato la vicenda. E ora, su riforme e Quirinale, si fanno i conti.

Continue reading about La resa dei conti

Caos primarie in Liguria, forse saltano in Campania (e non è una novità): se il Pd non è in grado di controllarle, lasci perdere.

Continue reading about Bandiera bianca?

Susanna Camusso l’aveva detto alle primarie 2012: se vince Renzi è un problema. Per la Cgil sicuramente. Ma anche per il Centrosinistra?

Continue reading about Un problema

Un anno fa sul palco c’era Epifani, oggi è cambiato il mondo: Renzi chiude la festa dell’Unità da segretario e premier. Ma il Pd gli serve ancora?

Continue reading about No party?

Tanti giovani rampanti, un leader ingombrante: in Forza Italia c’è spazio per il ricambio, o l’unica strada è quella di Fini e Alfano?

Continue reading about Lista d’attesa

Rinvio, anzi, voto: purché palese. Meglio un deputato in manette che un trappolone elettorale, dice il Pd. Che ora non ha più bisogno di Genovese, il suo parlamentare più votato alle primarie.

Continue reading about Manette sul voto

La vittoria di Renzi alle primarie Pd scuote le larghe intese: senza la sentenza della Consulta sul Porcellum, sarebbe già campagna elettorale.

Continue reading about Appesi a un filo

Renzi vince tra gli iscritti Pd, nel nome del cambiamento. Ma per liberarsi dei vecchi volponi saliti sul carro ha bisogno di un’investitura popolare massiccia.

Continue reading about Tra vecchio e nuovo