Polverini

La vicenda del sacrario di Affile è ormai nota, dunque vado per titoli. Nel 2008 la giunta Marrazzo destina dei fondi alla riqualificazione del Parco Radimonte, nell’alta valle dell’Aniene; poi la giunta cade, arriva la Polverini e il sindaco di Affile decide di utilizzare quei soldi per un monumento funebre alla memoria di Rodolfo Graziani, […]

Continue reading about Il monumento al macellaio

Il Pd di Trastevere ha scritto al segretario Bersani una lettera piena di amarezza e di passione sullo scandalo della Regione Lazio: non faremo campagna elettorale, minacciano gli attivisti, se verranno ricandidati i consiglieri regionali uscenti. Qualcosa di analogo è successo a Fiano Romano, con una lettera inviata anche al segretario regionale: i contenuti sono […]

Continue reading about C’è qualcuno?

Spero che se ne esca bene, ma temo di no. Temo cioè che anche le dimissioni in massa di ieri dal Consiglio regionale del Lazio – a mio parere l’unico gesto possibile per salvare la dignità del Pd – non bastino a ripararci dalla tempesta di sdegno che, giustamente, sta montando in questi giorni. Non […]

Continue reading about Nella terra di nessuno

Batman Fiorito le esclude, ma le dimissioni sono l’unica strada possibile per il presidente della Regione Lazio, che a questo punto – e lo conferma anche la richiesta d’incontro al ministro dell’Interno – si sta rendendo conto di quanto sarebbe difficile resistere con lo scotch fino al 2015. Al di là dell’inadeguatezza amministrativa, dalla sanità […]

Continue reading about La coscienza di Renata

La sceneggiata di Renata Polverini mi avrebbe quasi commosso, lo ammetto, se avessi trascorso gli ultimi due anni della mia vita nell’isola di Pasqua. O se ce li avesse trascorsi lei, invece di occupare la poltrona più alta nella Regione Lazio. E non è un discorso di responsabilità oggettiva, tipo quella che si applica alle […]

Continue reading about La sceneggiata

I deboli di stomaco stiano lontani dalle cronache laziali di questi giorni, perché fanno vomitare. Il Suv, la Smart superaccessoriata da 16 mila euro (“Ma con la pancia non c’entro, così l’ho lasciata ai colleghi”), i pranzi da 4 mila euro, i servizi fotografici e tutti gli altri particolari che stanno venendo fuori sull’attività del […]

Continue reading about Senza scuse

Chi ci chiede perché non facciamo nulla per salvare Villa Adriana dalla discarica non sa, probabilmente, che ce ne stiamo occupando da tempo: non solo a livello locale, con il Pd romano e con quello del Lazio, ma anche in Parlamento, sia ai tempi di Berlusconi che di Monti. Faccio un rapido riassunto della situazione […]

Continue reading about Monnezza di Adriano

Quando Francesco Rutelli, che nel 2008 sperava di farcela al primo turno, si ritrovò al ballottaggio contro Gianni Alemanno, sui muri di Roma spuntarono nostri manifesti che inneggiavano all’antifascismo. Le difficoltà politiche erano evidenti, il trend di Alemanno in crescita, e si ricorreva all’extrema ratio: un tentativo di riportare al voto lo zoccolo duro e […]

Continue reading about La pace obbligatoria

L’episodio era passato quasi sotto silenzio, perché Monte Porzio Catone non è l’ombelico della politica, ma vale la pena ricordarlo oggi. L’anno scorso, alla vigilia delle elezioni amministrative, nessuno aveva dubbi sulla riconferma del Centrosinistra: nonostante il nome terribile scelto per la coalizione (“Verdi, Bianchi e Rossi per Monte Porzio Catone”), l’amministrazione uscente godeva di […]

Continue reading about La parola ai giudici