Parlamento

Al Senato la lunga settimana degli emendamenti. Con Renzi che preme, soprattutto per far vedere all’Europa che il ristorante ha cambiato gestione.

Continue reading about Mille giorni

Morto Ciro Esposito, forse domani arriva il decreto per la sicurezza negli stadi. Che però c’entrano fino ad un certo punto, e Alfano lo sa.

Continue reading about Il vero fallimento

C’era un ministro che si indignava se un rinviato a giudizio veniva chiamato colpevole. Oggi, sul caso Yara e senza Berlusconi da difendere, ha cambiato idea.

Continue reading about L’ansia di Angelino

12 fiducie in meno di 4 mesi per il governo Renzi: alla stessa media, Monti venne rimproverato dal Quirinale. Mentre il Pd si lamentava.

Continue reading about A colpi di fiducia

Rinvio, anzi, voto: purché palese. Meglio un deputato in manette che un trappolone elettorale, dice il Pd. Che ora non ha più bisogno di Genovese, il suo parlamentare più votato alle primarie.

Continue reading about Manette sul voto

Le manette grilline al Senato, la spigola leghista a Montecitorio: del Parlamento a favore di telecamera e della necessità di farsi notare a tutti i costi.

Continue reading about TeleCamere

Alfano e i centristi alzano i toni sul decreto lavoro, ma non possono far nulla: l’unico avversario del Pd, in questo momento, è il Pd stesso.

Continue reading about Come un treno

Miracoli della campagna elettorale: i rigoristi rinviano il pareggio di bilancio per trovare coperture, gli antirigoristi contrari per non favorire Renzi.

Continue reading about Ce lo chiedono le Europee

Pochi numeri, ma raccontati bene: Renzi esce vivo dal primo Def e manda a Bruxelles un segnale positivo. Restano comunque parecchie incognite.

Continue reading about I numeri e le incognite