Monti

12 fiducie in meno di 4 mesi per il governo Renzi: alla stessa media, Monti venne rimproverato dal Quirinale. Mentre il Pd si lamentava.

Continue reading about A colpi di fiducia

Miracoli della campagna elettorale: i rigoristi rinviano il pareggio di bilancio per trovare coperture, gli antirigoristi contrari per non favorire Renzi.

Continue reading about Ce lo chiedono le Europee

Roberto Formigoni ha già messo le mani avanti: ci sia una moratoria sui temi etici, ha scritto su Twitter, perché alle ultime elezioni non ha vinto nessuno. E il governo, ha aggiunto, ha un mandato limitato alle riforme economiche, elettorali e costituzionali. Difficile dargli torto sul risultato delle ultime Politiche, difficile anche contraddirlo sul respiro […]

Continue reading about Un tema scomodo

Si avvicinano le primarie e il congresso del Pd si trasforma in una sfida tra fantasmi: berlusconismo contro dalemismo. Come se non ci fosse un futuro.

Continue reading about Fantasmi

Messo in minoranza dall’ala di Mauro, che guarda ad Alfano e spera in un Ppe italiano, Monti lascia Scelta civica. Che in effetti era nata per altro.

Continue reading about C’era una volta

Qualche riflessione di pancia, a caldo, sulle dimissioni dei ministri del Pdl e l’imminente crisi del governo Letta.

Continue reading about Avanti un altro

Dicono gli esperti che il déjà vu sia un’alterazione dei ricordi: lì per lì hai l’impressione di vivere una scena che hai già vissuto, o almeno sognato, ma poi – se vai nei dettagli – il ricordo fa acqua da più parti. Non ti ricordi quando, né dove, né sapresti aggiungere particolari: ti resta solo […]

Continue reading about Déjà vu

“Tre uscieri in un corridoio, due in un altro: al ministero sono impiegate cinque persone con il compito di dirmi buongiorno e buonasera. Volevo mandarne uno al museo di piazza Venezia, che non ha custodi. Mi hanno chiesto se stessi scherzando e se venissi dalla Luna”. Non è la convention del MoVimento 5 Stelle, ma […]

Continue reading about 5 uscieri per 1 buongiorno

Una delle condizioni poste da Mario Monti per la Camera e da Beppe Grillo anche per il Senato è che i candidati non abbiano nel curriculum precedenti esperienze parlamentari. Nella furia iconoclasta di Grillo questa scelta appare comprensibile, nel moderato approccio montiano un po’ meno, ma tant’è: tra le caratteristiche dei candidati di Scelta civica, le […]

Continue reading about Il nuovo in Parlamento

Non sono l’esegeta del presidente Napolitano, ma le sue parole a Washington contro chi prima ha sostenuto Monti e ora rinnega tutto mi hanno fatto venire voglia di rileggermi un po’ di resoconti parlamentari. Che provocano uno strano effetto, devo dirlo, alla luce di questa campagna elettorale: prima di finire a colpi di invettive reciproche, […]

Continue reading about Pensavo fosse amore