Marino

Avevano presentato le elezioni a Roma come una scelta tra competenti-ma-disonesti e incompetenti-ma-onesti. Non avevano previsto la possibilità peggiore.

Continue reading about Diversi da chi?

Lo slogan era coRAGGIo, ma finora gli elettori ne hanno avuto più dei loro rappresentanti: due parole su Roma, sperando che il M5S cambi marcia.

Continue reading about Paura?

Ignazio Marino si è dimesso da sindaco di Roma, dopo 2 anni e mezzo al Campidoglio in cui ha pestato qualche piede e qualche cacca. E il Pd lo ha sostenuto a intermittenza.

Continue reading about Piedi e cacche

Non sarà un Giubileo da fuochi d’artificio, né per la Chiesa né per Roma. La chiave? Due istituzioni che cercano di riavvicinarsi alla platea di riferimento.

Continue reading about L’anno (santo) che verrà

Buche, monnezza, mezzi pubblici. Ma anche carrozzoni del passato e manutenzione trascurata. Due parole su Marino e sulla sua amministrazione di Roma, mentre va di moda maramaldeggiare.

Continue reading about Roma brucia

Crocetta, Marino, De Luca: il difficile rapporto tra il Pd nazionale e le amministrazioni locali prima o poi va affrontato davvero.

Continue reading about A mezzo servizio

Strani parallelismi tra Renzi e Marino: il sindaco di Roma soffre e il premier lo molla, ma anche su Renzi il vento cambia e parte del Pd si organizza.

Continue reading about Cambia il vento

Marino divenne sindaco di Roma perché marziano, ora rischia di andarsene per lo stesso motivo. Due parole su Mafia Capitale e la maionese impazzita.

Continue reading about Il marziano

Stipendi bassi, resistenza al cambiamento, scontro di poteri, volemose bene: c’è di tutto, nell’assenteismo dei vigili romani, ma non la poca voglia di lavorare.

Continue reading about La moria dei pizzardoni

Il mondo di mezzo gioca sulla linea di confine, a Roma piuttosto affollata. Chiare le responsabilità della destra, ma il Pd – da anni – è un gruviera.

Continue reading about Rientra tutto