Maghreb

Ne avevo sentite parecchie, in questi due giorni, sul fatto che l’episodio dello scotch non fosse vero. E tutto sommato lo speravo anch’io, perché avrei di gran lunga preferito un’interrogazione parlamentare a vuoto rispetto alla conferma che abbiamo avuto stamattina dal ministro dell’Interno: la foto era vera, lo scotch sulla bocca c’era davvero, e lo […]

Continue reading about La lezione dello scotch

L’unico dubbio era che la cosa non fosse vera, perché ogni tanto in rete girano pure fesserie, ma la fotografia piuttosto casareccia e certamente rubata me lo ha fatto superare. In ogni caso nell’interrogazione al ministro Cancellieri ho usato il condizionale in abbondanza e ho chiesto innanzitutto di accertare lo svolgimento dei fatti, perché il […]

Continue reading about Una normale operazione di polizia

Sono ricominciati gli sbarchi e, con loro, le tragedie. Con il centro di accoglienza di Lampedusa dichiarato inagibile dopo l’incendio dell’anno scorso, e con l’isola che non vuole rivivere il film del 2011: l’appello del sindaco è che si lascino i migranti nell’isola il meno possibile (“il tempo di sfamarli, di visitarli e di trasferirli […]

Continue reading about La lezione del 2011

Dopo aver saputo – non da molti organi di stampa, per la verità – della nuova fuga di immigrati dal Cie e dell’ennesima battaglia con le forze dell’ordine,  oggi ho preso il motorino e sono corso a Ponte Galeria. L’ultima volta c’ero stato a fine luglio, all’indomani di un episodio simile; la prossima occasione sarà […]

Continue reading about Lo zoo di Bobo

In una giornata politicamente di transizione – che ha visto l’Aula impegnata su provvedimenti bipartisan, in attesa che arrivi la manovra dal Senato – la notizia del giorno alla Camera è l’audizione di Frattini sulla Libia: la prima dopo la caduta del regime di Gheddafi e dopo almeno due mesi di silenzio. Escluso il presidente […]

Continue reading about Un bel puzzle

Ad ascoltare Silvio Berlusconi, che nello sproloquio sulla crisi economica ha dipinto l’Italia come il Paese dei balocchi, c’era oggi pomeriggio Roberto Maroni, venuto in Aula con dieci minuti di anticipo sul presidente del Consiglio ma con un’ora di ritardo sulla propria dignità. Non c’era infatti, il ministro dell’Interno, quando il Parlamento discuteva della morte dei […]

Continue reading about Noi non siamo così

Fa sempre un certo effetto leggere di carri armati fra le case e di bombe contro la folla, ma ad essere sinceri il massacro di oggi nella città ribelle di Hama non ci coglie, purtroppo, impreparati: è da tempo evidente, infatti, che senza un intervento della comunità internazionale non si risolverà nulla. Chi ha il […]

Continue reading about Qualcuno faccia qualcosa

Le agenzie di stampa dicono che stanotte c’è stata una rivolta al Cie di Ponte Galeria, con alcuni poliziotti feriti. Vero, per carità: gli agenti sono 11, tutti refertati. Ma è curioso che nessuno dica una parola sugli immigrati feriti, e che per sapere qualcosa sia necessaria l’informazione semiclandestina: quella di Gabriele Del Grande su […]

Continue reading about La rivolta

Uno può trovare tutti i sinonimi che vuole, ma io un posto del genere lo chiamo carcere. Un posto, voglio dire, con grate alte una decina di metri, e 27 telecamere che vigilano 24 ore al giorno, e soldati dell’esercito a controllare i monitor, e poliziotti a darsi il cambio con carabinieri e Guardia di […]

Continue reading about LasciateCIEntrare

La politica, si sa, ci mette sempre un po’, ma stavolta rischiava di metterci un po’ troppo: se oggi l’opposizione non avesse portato in Aula il voto delle mozioni su Lampedusa, probabilmente l’estate sarebbe passata in cavalleria. È vero che gli atti parlamentari vengono trattati da questo governo come i giornaletti di free press sulla […]

Continue reading about Sedotti e abbandonati