Mafia

Il mondo di mezzo gioca sulla linea di confine, a Roma piuttosto affollata. Chiare le responsabilità della destra, ma il Pd – da anni – è un gruviera.

Continue reading about Rientra tutto

La trattativa Stato-mafia è un tema così importante che mette a rischio le fondamenta stesse di una Nazione. Essere davvero convinti che il governo sia connivente con i mafiosi, per difendere scientemente alcuni politici amici della maggioranza che lo sostiene, ha una sola conseguenza possibile: l’uscita immediata dal Parlamento e la rivoluzione di popolo. Ma […]

Continue reading about La trattativa

Nonostante avessi 20 anni e fossi uno studente di Scienze politiche da un anno e mezzo, con una decina di esami sul libretto, fino al giorno della strage di Capaci non mi ricordo di avere avuto una coscienza politica vera e propria. Volontariato molto, ma per l’uomo: lo Stato era per me qualcosa di lontano, […]

Continue reading about Vent’anni

Non vorrei mancare di rispetto a nessuno, ma ascoltando Annamaria Cancellieri in Commissione Affari Costituzionali non ho avuto l’impressione di trovarmi di fronte a un nuovo ministro dell’Interno con un suo programma di governo: mi è sembrata piuttosto un amministratore pro tempore di un’eredità lasciata da altri (in questo caso Pdl-Lega), così come a Bologna […]

Continue reading about L’eredità

Non so se fosse o meno rigore, perché il calcio sugli stinchi avviene lontano dalle telecamere, ma la caduta è così accentuata che in questi casi l’arbitro ti ammonisce pure se hai subito il fallo. Paolo Orneli probabilmente mastica poco pallone, o forse ne vede troppo, e si è buttato per terra come neppure Pippo […]

Continue reading about Rigore negato

Con la caduta del governo Berlusconi e il conseguente cambio degli equilibri in Parlamento, non è che nelle votazioni più recenti ci sia tutto questo pathos: Lega (e talvolta Idv) da una parte, resto del mondo dall’altra. Oggi, però, si è rivista la conta dei vecchi tempi, e per di più a scrutinio segreto, sull’autorizzazione […]

Continue reading about Come cambia il mondo

La vicenda dei radicali sulla mozione di sfiducia al ministro Romano mi ha toccato più di quanto non abbia detto pubblicamente. Sono uno di quelli che ha combattuto battaglie con loro, dicevo ieri, ma stavolta mi sembra che sia venuto meno il principio di lealtà: per questo, in vista del direttivo del nostro gruppo parlamentare […]

Continue reading about Fine dell’equivoco

Più ancora delle cose ascoltate, il dibattito alla Camera sulla mozione di sfiducia al ministro Romano mi ha lasciato in mente un colore: è il verde sbiadito della camicia indossata oggi da Umberto Bossi, probabilmente su suggerimento di Freud. Un verde sbiadito come la sua Lega, che vent’anni fa non si sarebbe mai sognata di […]

Continue reading about Baciamo le mani

Pure i sassi sanno che, nelle polemiche interne alla Lega, pesa molto la partita solitaria di Roberto Maroni, che ormai vuole dare l’impressione di muoversi autonomamente e che mira a costruirsi un’immagine da statista. Dopo due anni di paziente tessitura, ieri pomeriggio il ministro ha strappato la tela, mostrando all’Italia che per assomigliare a De […]

Continue reading about Lo statista mancato

La mia amicizia con Fabio Granata, nata attorno all’ormai nota proposta di legge sulla cittadinanza, mi fa guardare a tutto questo casino scoppiato nel Pdl con meno distacco di quanto vorrei. Mi piacerebbe essere super partes e godermi lo spettacolo di un Centrodestra in frantumi, ma non ci riesco: da una parte c’è una persona […]

Continue reading about La battaglia di Fabio