Lega

Le Europee premiano spesso il voto in libera uscita, e il fronte antieuro domina i sondaggi. Renzi riuscirà a dire la verità senza perdere voti?

Continue reading about Il capro espiatorio

Con il Renzi uno scompare il ministero dell’Integrazione: due ministri in poco più di due anni, molti spunti per la polemica leghista, meno risultati di quanti gli stessi ministri avrebbero probabilmente desiderato. Qualcosa di buono è venuto fuori sia con Andrea Riccardi che con Cécile Kyenge – soprattutto sul fronte della burocrazia e della vita […]

Continue reading about Disintegrazione

Comunque vada a finire il tentativo Renzi, il voto si allontana. E molti parlamentari gioiscono: al prossimo giro non ce l’avrebbero fatta.

Continue reading about La festa dei peones

Cambiano i protagonisti, restano i vecchi schemi: breve sintesi di un 2013 da non ripetere per la politica italiana.

Continue reading about Tutto qui?

Lampedusa è la frontiera dell’Europa, che fa finta di non vedere. Ma l’Italia non può ridurre tutto a un alibi: sull’immigrazione ha le sue colpe.

Continue reading about Alibi veri e memoria corta

Momentaccio per la Lega: ha portato il caso Shalabayeva in Aula, parla di imprese, ma fa notizia solo se insulta gli immigrati. E Mediaset la ignora.

Continue reading about La Lega all’angolo

Per la prima volta dall’inizio di questa legislatura, la maggioranza delle larghe intese sente il fiato sul collo delle opposizioni e deve mettere la fiducia su un provvedimento ormai in dirittura d’arrivo. La norma è il cosiddetto decreto Piombino, che si occupa in realtà di varie emergenze ambientali (dai rifiuti in Campania e Sicilia alla […]

Continue reading about La fiducia controvoglia

Riassunto della situazione per non addetti ai lavori. Bersani vince le primarie del Pd e il povero Silvio – schivata la minaccia di Renzi, che lo avrebbe costretto alla pensione – decide di giocarsi il tutto per tutto: d’altra parte i sondaggi danno il Pdl in calo e il Pd in ascesa (vista Repubblica di […]

Continue reading about Leali sì, ingenui no

Mi sa che oggi il Senato ha fischiato la fine della partita sulla riforma elettorale: se non succede un miracolo – e di miracoli in giro non ne vedo – si va al voto con il Porcellum, per una miopia generalizzata che ha evidentemente colpito i miei colleghi senatori. Al Pd rimprovero di non avere […]

Continue reading about Riecco il Porcellum

Il dibattito di ieri su pene alternative al carcere e messa in prova si è fatto così acceso che stamattina, senza che la cosa fosse programmata da tempo, si sono presentati in aula due ministri: quello della Giustizia e quello dell’Interno. La Lega ne è uscita abbastanza ridicolizzata, così come l’Idv e l’ala degli ex […]

Continue reading about La paura in circolo