Lavoro

Franchezza viene da franco, che sta per libero, perché è dalla libertà delle decisioni che discende la schiettezza del parlare. Lealtà viene da legale, nel senso di obbediente alle leggi dell’onore, e dunque incapace d’inganno. Enrico Letta le ha scelte entrambe, come parole d’ordine del proprio governo, in mezzo a mille altre assai più ambiziose […]

Continue reading about Il matrimonio combinato

Oggi La Stampa ha deciso di pubblicare una pagina su un tema non propriamente da campagna elettorale, con un titolo quasi kamikaze, vista l’aria che tira: “La prima volta fuori dal Palazzo senza stipendio e vitalizio”. La domanda è: cosa fa un deputato uscente che ha ancora molti anni davanti prima della pensione? La risposta […]

Continue reading about A lavorare!

Dopo quella della settimana scorsa sulle carceri italiane, dalla Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo sono arrivate tre sentenze molto interessanti sulla laicità. Una delle quali, pur trattando di vicende britanniche, in sostanza smonta l’impianto concettuale della legge francese del 2004 sul divieto di ostentare simboli religiosi: una legge passata all’epoca quasi all’unanimità […]

Continue reading about Oh, my God

Ognuno potrà prendere come vuole questa storia della non candidatura di Pietro Ichino, ma per me è una botta terribile. Non ho mai nascosto di essere minoranza nel Pd su diverse cose – tra cui l’approccio in materia di lavoro, che non è roba da poco – ma Pietro (il professore Ichino, dovrei dire per […]

Continue reading about Mamma, che botta!

So che non ne parlerà nessuno, ma oggi è un giorno importante per un milione e mezzo di persone in Italia: sono in grandissima parte donne (83%) e migranti (81,5%) e in quasi la metà dei casi (oltre il 40%) non sono nemmeno iscritte all’Inps, perché al datore di lavoro conviene non pagare i contributi. […]

Continue reading about Le invisibili

Stamattina ho albeggiato con Cnbc, ospite di una diretta da Montecitorio prima che aprissero le Borse. Le domande erano sostanzialmente quattro. Uno: non è che Berlusconi vince un’altra volta, vero? No. Due: rispetterete gli impegni presi con l’Europa? Sì, pure con Vendola. Tre: è vera questa storia del salvataggio? Credo di no, visto che da […]

Continue reading about Monti dopo Monti

Scambio di tweet ieri sera tra Francesco Nicodemo, capostipite della corrente “anarco-insurrezionalisti per Renzi”, e Matteo Pucciarelli, giornalista di Repubblica dalle simpatie vendoliane. Tema: Pietro Ichino, applaudito alla Leopolda per il suo intervento su sinistra e riformismo. “Quello che osannava Marchionne, e ancora deve chiedere scusa. Che tristezza”, commenta Pucciarelli, a cui poi Nicodemo rimprovera […]

Continue reading about Qualcosa di sinistra

Anche questo è un segno dei tempi bui: visto che le istituzioni non se ne occupano come dovrebbero – e lo dice un deputato della Repubblica, membro della Commissione Affari Sociali e piuttosto impegnato sul tema – bisogna aspettare il rapporto annuale della Caritas per avere un quadro dettagliato della povertà in Italia. E il […]

Continue reading about Poveri noi

Se tutto va bene, questa settimana – o al massimo la prossima – uscirà dal Senato una legge che i giornalisti precari attendono da parecchio tempo. Poi toccherà fare un altro passaggio alla Camera, perché i senatori hanno introdotto qualche piccola modifica, ma entro fine ottobre verrà stabilito il concetto di equo compenso per i […]

Continue reading about I nuovi proletari

Mi riallaccio all’ultimo passaggio di ieri, quello sulla legge elettorale, e parto da una simulazione illustrata oggi da Salvatore Vassallo in un incontro a Roma sulla cosiddetta “agenda Monti”: sull’atteggiamento del Pd, cioè, rispetto alle riforme avviate in quest’ultimo anno di legislatura e a quelle ancora da fare. Con la nuova legge elettorale di cui […]

Continue reading about Agenda Monti