Laicità

Dopo quella della settimana scorsa sulle carceri italiane, dalla Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo sono arrivate tre sentenze molto interessanti sulla laicità. Una delle quali, pur trattando di vicende britanniche, in sostanza smonta l’impianto concettuale della legge francese del 2004 sul divieto di ostentare simboli religiosi: una legge passata all’epoca quasi all’unanimità […]

Continue reading about Oh, my God

Negli anni della guerra fredda, in cui “l’avversario era sistematicamente presentato come il nemico assoluto e la minaccia nucleare come l’unica possibile salvezza, non era certo scontato proporre il disarmo, il dialogo, la nonviolenza, il riconoscimento delle proprie colpe e delle proprie ideologie: il rischio, infatti, era quello di essere tacciati di comunismo o di […]

Continue reading about La pace ferita?

Come ciclicamente accade – e come credo accadrà sempre più spesso, via via che si avvicinano le elezioni – la notizia d’apertura dei giornali è il monito del Papa ai politici cattolici. Quella di “politici cattolici” è una categoria un po’ ballerina, perché ci sono atei del Pdl che corrisponderebbero molto meglio di me all’identikit […]

Continue reading about Aboliamo il divorzio?

Fino a qualche anno fa, l’inizio del Ramadan era roba da appassionati di politica estera; oggi, nonostante i musulmani siano solo un terzo degli immigrati regolarmente residenti in Italia, comincia a riguardarci un po’ più da vicino. Alcune aziende prevedono accordi specifici per i lavoratori musulmani, tanto per fare un esempio, e questo è certamente […]

Continue reading about Food for thought

Per amore del Partito democratico non mi metto a scrivere interventi, che pure mi sono stati richiesti, sulla ricostruzione della vicenda diritti: temo infatti che finirebbero nel frullatore delle polemiche e sinceramente non mi va di fare il contraltare di nessuno. Neppure di chi si meriterebbe una risposta acida, visto che sta rilasciando, in questi […]

Continue reading about Pd, guardie svizzere e cigni di Popper

Quando chiesi di far parte del Comitato diritti del Pd, un annetto e mezzo fa, lo feci per un atto di amore verso il progetto del Partito democratico: a differenza di alcuni miei colleghi, più preoccupati di rappresentare un’ala dura e pura, sono profondamente convinto che sporcarsi le mani sia sempre meglio che tenerle in […]

Continue reading about La risposta che manca

Non ne sentivo l’esigenza, come credo una discreta parte degli italiani, ma un gruppo di miei colleghi cattolici – forse più cattolici di me, ma queste sono spiegazioni che chiederò al Signore quando sarà il momento – ha deciso di portare in Aula una mozione, che si è discussa oggi, sull’aborto. L’obiettivo dei firmatari (Volontè, […]

Continue reading about L’altra faccia

Sono contento di averci azzeccato, una volta tanto; mi dispiace solo che, come spesso accade in Italia, quando c’è di mezzo la Chiesa le questioni si trasformino in una lotta tra guelfi e ghibellini. Da una parte, pure stavolta, c’è chi inneggia alla vittoria dello Stato laico; dall’altra c’è la promessa di alzare barricate, se […]

Continue reading about Questione di buonsenso

Se per l’italiano medio è stato un presidente della Repubblica – ottimo, discreto, mediocre o pessimo a seconda dei punti di vista – per me Oscar Luigi Scalfaro è stato molto di più. È stato un esempio di cristiano impegnato in politica, con una fede molto profonda; non mi riferisco al distintivo di Azione cattolica […]

Continue reading about Ciao, presidente