Integrazione

Tutti contro Balotelli, che utilizzerebbe la scusa del razzismo perché non accetta le critiche: una lettura superficiale quanto certi atteggiamenti di Mario.

Continue reading about I fantasmi di Mario

Con il Renzi uno scompare il ministero dell’Integrazione: due ministri in poco più di due anni, molti spunti per la polemica leghista, meno risultati di quanti gli stessi ministri avrebbero probabilmente desiderato. Qualcosa di buono è venuto fuori sia con Andrea Riccardi che con Cécile Kyenge – soprattutto sul fronte della burocrazia e della vita […]

Continue reading about Disintegrazione

La discussione sulla cittadinanza ai nuovi italiani sembra iscritta all’albo dei temi che tornano a riva a ogni cambio di legislatura, per poi finire inghiottiti dalle onde dell’emergenza e riperdersi sul fondo del mare. Non c’è il clima, si ripete ogni volta. Non sono queste le priorità, si argomenta con saccenza. E l’Italia resta ferma […]

Continue reading about Si ricomincia?

Può darsi che anche stavolta non se ne faccia nulla, perché alla Camera comandano ancora quei repubblicani che in passato la bocciarono. Ma mai come ora, negli Stati Uniti, la riforma dell’immigrazione sembra a un passo: dopo il sostegno esplicito di McCain al Dream act promesso da Obama, un milione e mezzo di figli di […]

Continue reading about Il sogno bipartisan

La Camera ha approvato ieri pomeriggio, nella Giornata dell’infanzia, una mozione che impegna il governo sulla cittadinanza ai minori: in teoria dovrei cantare vittoria, salutando il frutto di un lungo lavoro che mi vede coinvolto in prima linea da luglio 2009; in pratica sono ormai troppo smaliziato per entusiasmarmi, dopo quattro anni e mezzo di […]

Continue reading about Too little, too late

Una delle metafore migliori sull’immigrazione in Italia, rubata a Massimo Livi Bacci, è che non va vista come una protesi ma come un trapianto: non si mette al mattino e si leva la sera, ma diventa un tutt’uno con il corpo che la accoglie, con tutti i pregi che ciò significa e con tutti i […]

Continue reading about Italia, 2012

Oggi facciamo finta di parlare di Miss Italia, ma la miss è naturalmente un pretesto. Confesso di non saperne molto – al contrario di mia madre, che non si perdeva un’edizione – ma di aver cenato una volta sulla terrazza del Campidoglio con una serie di ragazze che partecipavano al concorso Miss Italia nel mondo. […]

Continue reading about La lezione della miss

Torno un attimo sul capitolo America, pensando all’Italia. E lo faccio riprendendo il discorso che finora mi ha colpito di più alla convention democratica di Charlotte, più di Bill Clinton e di Michelle Obama: traduco al volo la prima parte del keynote speech di Julián Castro, sindaco di San Antonio e fratello gemello di Joaquín, […]

Continue reading about La storia possibile

Forse oggi abbiamo detto addio alla possibilità di approvare la riforma della cittadinanza in questa legislatura. Ci avevamo un po’ sperato con il cambio di governo, ma le ripetute dichiarazioni da Palazzo Chigi (“lasciamo che a decidere sia il Parlamento”) ci avevano smorzato presto gli entusiasmi: non dovevamo aspettarci grandi aiuti da Monti, impegnato su […]

Continue reading about Non è bastato

Stavolta non mi limito al solito tema dell’Italia che cambia, che mi occupa più sere alla settimana nei dibattiti dedicati alla cittadinanza dai vari circoli Pd: stavolta approfitto di Mario Balotelli per parlare anche dell’Italia che non cambia, di un Paese mentalmente pigro e impreparato a raccontare cose nuove. Grazie a un paio di goal […]

Continue reading about Ancora qui?