Governo

Dall’accordo tra i 4 partiti principali esce una legge elettorale anonima, su cui nessuno ha grande voglia di mettere il nome. Ma la legislatura è finita.

Continue reading about Al voto, al voto

In Parlamento è partito il gioco della sedia, quello che facevamo da piccoli alle feste. Tutti concentrati sulla musica, che sta per finire.

Continue reading about Chi fermerà la musica?

Il governo Gentiloni sta a quello Renzi come la carbonara vegetariana a quella normale: a parte il guanciale, la ricetta non cambia.

Continue reading about La carbonara vegetariana

Polemiche pure sul terremoto, che diventa l’occasione buona per tutto: attaccare il governo, fare uno spot al sì al referendum, criticare il Papa. Aiuto.

Continue reading about Un bel tacer

Cosa resta del referendum sulle trivelle, il giorno dopo? Le secchiate di demagogia, da ogni parte, in una conta perenne tra renziani e antirenziani.

Continue reading about Pensavo fosse un referendum

Nel caso Guidi-trivelle, il problema non è una legge in più, ma la permeabilità delle istituzioni. Torna lo scontro politica-magistratura?

Continue reading about Grigie praterie

Ieri lo Sveglia Italia, sabato prossimo il Family day: il dibattito sulle unioni civili in Senato si annuncia teso. Ma pluralismo non significa paralisi.

Continue reading about Di piazza in piazza

Si avvicinano le elezioni e per Renzi arriva il tempo dei diritti, a cominciare dal dossier sulle unioni civili. Ma tutto compatibilmente con Alfano e con la pancia dell’Italia, come dimostrano i tempi lunghi sulla cittadinanza e la retromarcia sul reato di clandestinità.

Continue reading about Le cose di sinistra

Chi ci va per devozione, chi per calcolo, chi perché convinto che Renzi sia migliore delle alternative: l’evoluzione in chiaroscuro della Leopolda.

Continue reading about Generazione Leopolda

I Cinquestelle a Imola si presentano come forza di governo. Ma la strada è ancora un po’ lunga, e non per colpa del Bilderberg.

Continue reading about Dalle urla al governo