Governo

Tre anni fa, “Maroni assassino”. Oggi, “Alfano e Renzi hanno le camicie sporche di sangue”. L’Italia sugli sbarchi si guarda l’ombelico, ma oggi inizia il nostro semestre Ue.

Continue reading about Camicie sporche

C’era un ministro che si indignava se un rinviato a giudizio veniva chiamato colpevole. Oggi, sul caso Yara e senza Berlusconi da difendere, ha cambiato idea.

Continue reading about L’ansia di Angelino

12 fiducie in meno di 4 mesi per il governo Renzi: alla stessa media, Monti venne rimproverato dal Quirinale. Mentre il Pd si lamentava.

Continue reading about A colpi di fiducia

Alfano e i centristi alzano i toni sul decreto lavoro, ma non possono far nulla: l’unico avversario del Pd, in questo momento, è il Pd stesso.

Continue reading about Come un treno

Miracoli della campagna elettorale: i rigoristi rinviano il pareggio di bilancio per trovare coperture, gli antirigoristi contrari per non favorire Renzi.

Continue reading about Ce lo chiedono le Europee

Pochi numeri, ma raccontati bene: Renzi esce vivo dal primo Def e manda a Bruxelles un segnale positivo. Restano comunque parecchie incognite.

Continue reading about I numeri e le incognite

La riforma del Senato è cosa buona e giusta. Purché non si riduca tutto il dibattito a un problema di quantità e di indennità.

Continue reading about Un tanto al chilo

Due strani alleati hanno salvato il governo Renzi in queste prime settimane travagliate: Berlusconi e i giovani turchi.

Continue reading about Doppia sponda

Berlusconi scongiura il voto durante i servizi sociali, Renzi mette la bandierina, Alfano gode. Ma l’Italicum solo per la Camera è inutile e dannoso.

Continue reading about Il pastrocchio

Come Berlusconi, Renzi gioca la carta del non-politico e del rapporto diretto con i cittadini. Le mediazioni saltano, Parlamento compreso.

Continue reading about El jugador del pueblo