Giustizia

Berlusconi si gioca le ultime carte in una condizione di debolezza: se non fa le riforme, i suoi elettori capiranno? Ma esistono rischi anche per Renzi.

Continue reading about Le ultime carte

Dicono gli esperti che il déjà vu sia un’alterazione dei ricordi: lì per lì hai l’impressione di vivere una scena che hai già vissuto, o almeno sognato, ma poi – se vai nei dettagli – il ricordo fa acqua da più parti. Non ti ricordi quando, né dove, né sapresti aggiungere particolari: ti resta solo […]

Continue reading about Déjà vu

Può darsi che i radicali facciano un po’ di tattica, come è loro abitudine, quando dicono che non riusciranno a presentare le liste per le prossime elezioni: io confido invece che il simbolo di Amnistia, giustizia e libertà alla fine si trovi sulla scheda elettorale e sia votabile. In ogni caso, se anche così fosse, […]

Continue reading about Le colpe di Pannella

Sui profughi e sui respingimenti avevamo già preso una scoppola qualche tempo fa, oggi è arrivata quella sui detenuti. Non è mai un bel giorno quando il tuo Paese viene condannato per il mancato rispetto dei diritti umani, e la decisione della Corte europea è solo l’ultima goccia su un vaso – quello delle carceri […]

Continue reading about L’ultima goccia

Il dibattito di ieri su pene alternative al carcere e messa in prova si è fatto così acceso che stamattina, senza che la cosa fosse programmata da tempo, si sono presentati in aula due ministri: quello della Giustizia e quello dell’Interno. La Lega ne è uscita abbastanza ridicolizzata, così come l’Idv e l’ala degli ex […]

Continue reading about La paura in circolo

Almeno ogni tanto, voglio sperare, la politica deve riuscire a dare segni di maturità, mettendo da parte i calcoli elettorali e decidendo in base al merito: è quello che dovrebbe accadere in queste ore, con l’approvazione della legge delega al governo in materia di pene detentive non carcerarie e di messa alla prova. Sono temi […]

Continue reading about Sopra la pancia

Stamattina ad Agorà, su Raitre, Francesco Rutelli voleva convincermi della bontà dell’emendamento sul carcere per i giornalisti colpevoli di diffamazione: scrivo questo post per mia madre, che ci è quasi cascata. La tesi di Rutelli era articolata su un paio di punti: il primo è che il carcere serve come misura deterrente, ma tanto poi […]

Continue reading about Nonostante Sallusti

Dire che abbiamo risolto il problema della corruzione con una legge sarebbe ridicolo, ma altrettanto lo sarebbe buttare il bambino con l’acqua sporca: la notizia di oggi – ossia l’approvazione definitiva del ddl anticorruzione, dopo una navetta infinita tra Camera e Senato – è comunque un passo nella direzione giusta. Se ci fosse stato ancora […]

Continue reading about Ce l’abbiamo (quasi) fatta

Ho aspettato la sentenza di primo grado, poi l’appello, poi la Cassazione. E per essere proprio sicuro, vista la delicatezza dell’argomento, ho pure aspettato le motivazioni della sentenza. Ma ora non ci sono più motivi, almeno da parte mia, per non chiedere a Monti una risposta ufficiale sulla permanenza di Giovanni De Gennaro al governo: pur […]

Continue reading about Una domanda per Monti

La trattativa Stato-mafia è un tema così importante che mette a rischio le fondamenta stesse di una Nazione. Essere davvero convinti che il governo sia connivente con i mafiosi, per difendere scientemente alcuni politici amici della maggioranza che lo sostiene, ha una sola conseguenza possibile: l’uscita immediata dal Parlamento e la rivoluzione di popolo. Ma […]

Continue reading about La trattativa