Giovani

Mattia diventa lupetto, mi commuove e mi dà speranza.

Continue reading about Un bravo lupo

L’ultima polemica si chiama Moreno, e stavolta non è l’arbitro ecuadoriano dei mondiali in Corea del Sud ma il rapper di Amici invitato a chiudere la festa Pd di Genova. Una bella polemica interna del filone Fonzie: la seconda puntata della stagione attuale, se si parte dall’episodio Renzi-De Filippi; l’ennesima, se si guarda un po’ […]

Continue reading about Il piano inclinato

La discussione sulla cittadinanza ai nuovi italiani sembra iscritta all’albo dei temi che tornano a riva a ogni cambio di legislatura, per poi finire inghiottiti dalle onde dell’emergenza e riperdersi sul fondo del mare. Non c’è il clima, si ripete ogni volta. Non sono queste le priorità, si argomenta con saccenza. E l’Italia resta ferma […]

Continue reading about Si ricomincia?

Premetto che gli spot elettorali del Pd, usciti ieri, mi sono piaciuti: molto per l’idea stessa che c’è dietro, un po’ perché parlano anche di me, che al pontile di Ostia beach sono cresciuto (spot del bacio) e che ho provato due volte l’attesa di un figlio (spot del parto). Premesso questo, dicevo, mi sono […]

Continue reading about Tra pubblico e privato

La Camera ha approvato ieri pomeriggio, nella Giornata dell’infanzia, una mozione che impegna il governo sulla cittadinanza ai minori: in teoria dovrei cantare vittoria, salutando il frutto di un lungo lavoro che mi vede coinvolto in prima linea da luglio 2009; in pratica sono ormai troppo smaliziato per entusiasmarmi, dopo quattro anni e mezzo di […]

Continue reading about Too little, too late

Quando a inizio anno abbiamo cambiato la macchina, perché non entravamo più in quella di prima, ho avuto un momento di commozione: ho guardato per l’ultima volta la Classe A nera, 7 anni e 160 mila chilometri, e l’ho accarezzata come se fosse una persona. Aveva visto nascere i miei figli, ci aveva portato in […]

Continue reading about Fine di un ciclo

Mi riallaccio all’ultimo passaggio di ieri, quello sulla legge elettorale, e parto da una simulazione illustrata oggi da Salvatore Vassallo in un incontro a Roma sulla cosiddetta “agenda Monti”: sull’atteggiamento del Pd, cioè, rispetto alle riforme avviate in quest’ultimo anno di legislatura e a quelle ancora da fare. Con la nuova legge elettorale di cui […]

Continue reading about Agenda Monti

Più vado negli Stati Uniti, e la cosa si ripete da vari anni con quell’invenzione meravigliosa che è lo scambio casa, più mi accorgo socraticamente di non conoscerli abbastanza. Mi limito quindi a raccontare due o tre cose che mi hanno colpito in queste settimane, con la mente alla convention democratica che proprio oggi sta […]

Continue reading about Four years later

Forse oggi abbiamo detto addio alla possibilità di approvare la riforma della cittadinanza in questa legislatura. Ci avevamo un po’ sperato con il cambio di governo, ma le ripetute dichiarazioni da Palazzo Chigi (“lasciamo che a decidere sia il Parlamento”) ci avevano smorzato presto gli entusiasmi: non dovevamo aspettarci grandi aiuti da Monti, impegnato su […]

Continue reading about Non è bastato

L’etichetta di ipermontiani, appiccicata da qualche commentatore politico all’iniziativa di ieri, è evidentemente una caricatura: come ha detto Marco Follini, “Monti non è il Papa e noi non siamo le guardie svizzere”. In quel noi c’è comunque un pezzo di Pd – ma non solo del Pd, va detto – convinto che, dopo un anno […]

Continue reading about Le colpe dei padri