Famiglia

I sindaci trascrivono i matrimoni gay, i prefetti li annullano: manuale di come non si affronta il tema. Ma almeno in Senato si riparla di unioni civili.

Continue reading about Scene da un matrimonio

Roberto Formigoni ha già messo le mani avanti: ci sia una moratoria sui temi etici, ha scritto su Twitter, perché alle ultime elezioni non ha vinto nessuno. E il governo, ha aggiunto, ha un mandato limitato alle riforme economiche, elettorali e costituzionali. Difficile dargli torto sul risultato delle ultime Politiche, difficile anche contraddirlo sul respiro […]

Continue reading about Un tema scomodo

Cambiano i protagonisti, restano i vecchi schemi: breve sintesi di un 2013 da non ripetere per la politica italiana.

Continue reading about Tutto qui?

Mattia diventa lupetto, mi commuove e mi dà speranza.

Continue reading about Un bravo lupo

È difficile capire se quello di Civitanova Marche sia stato un suicidio per povertà o un suicidio per vergogna. Probabilmente entrambe le cose, perché quando non sei abituato a chiedere aiuto, ma ti ritrovi nelle condizioni di doverlo fare, il macigno psicologico non è meno pesante di quello materiale. E se hai fatica ad ammetterlo […]

Continue reading about La vergogna di essere nudi

Premetto che gli spot elettorali del Pd, usciti ieri, mi sono piaciuti: molto per l’idea stessa che c’è dietro, un po’ perché parlano anche di me, che al pontile di Ostia beach sono cresciuto (spot del bacio) e che ho provato due volte l’attesa di un figlio (spot del parto). Premesso questo, dicevo, mi sono […]

Continue reading about Tra pubblico e privato

Negli anni della guerra fredda, in cui “l’avversario era sistematicamente presentato come il nemico assoluto e la minaccia nucleare come l’unica possibile salvezza, non era certo scontato proporre il disarmo, il dialogo, la nonviolenza, il riconoscimento delle proprie colpe e delle proprie ideologie: il rischio, infatti, era quello di essere tacciati di comunismo o di […]

Continue reading about La pace ferita?

Come troppo spesso capita quando c’è di mezzo la Chiesa, il dibattito sull’Imu si sta trasformando in una guerra di religione: mettiamo allora da parte cupole e cupoloni e ragioniamo per un attimo a prescindere dalla propria collocazione sull’asse baciapile-strozzapreti. Se ci state, andate avanti nella lettura; se no, ci vediamo domani e non mi […]

Continue reading about Pagare tutti?

Avrei voluto vedere in Aula il ministro Cancellieri, anche perché così ci era stato annunciato, e invece a rispondere sul caso del bambino portato via a forza è venuto il sottosegretario De Stefano. Che ha cercato di salvare capra e cavoli, come leggerete qui sotto, ma che avrebbe potuto – e dovuto, a mio parere […]

Continue reading about Il governo chiede scusa