Elezioni

Dall’accordo tra i 4 partiti principali esce una legge elettorale anonima, su cui nessuno ha grande voglia di mettere il nome. Ma la legislatura è finita.

Continue reading about Al voto, al voto

In Parlamento è partito il gioco della sedia, quello che facevamo da piccoli alle feste. Tutti concentrati sulla musica, che sta per finire.

Continue reading about Chi fermerà la musica?

Meno Re Sole, più primus inter pares: così mi pare il Renzi dell’ultimo Lingotto. Poi, chissà.

Continue reading about C’era una volta un re

Umanamente mi dispiacerebbe, politicamente dipende dalla legge elettorale. Due parole sulla possibile scissione del Pd, da uno che ci mise la faccia.

Continue reading about Molto rumore per bah

Avevano presentato le elezioni a Roma come una scelta tra competenti-ma-disonesti e incompetenti-ma-onesti. Non avevano previsto la possibilità peggiore.

Continue reading about Diversi da chi?

Il governo Gentiloni sta a quello Renzi come la carbonara vegetariana a quella normale: a parte il guanciale, la ricetta non cambia.

Continue reading about La carbonara vegetariana

Onestà e trasparenza, avevano detto. E su quella promessa avevano conquistato voti e speranze. Ora il M5S traballa nella prova più difficile: Roma.

Continue reading about Guerre Stellari

Giustizialismo, sparate, insulti: Cleveland archivia la convention di Trump, che ha preso in leasing i repubblicani per andare alla Casa Bianca.

Continue reading about Ai piedi di Trump

Pareggio con rimonta per l’Italia contro l’Olanda: un anno per uno al Consiglio di sicurezza dell’Onu. Storia e commento di una votazione emozionante.

Continue reading about Un piccione e mezzo

Raggi a Roma, Appendino a Torino: due grandi sfide per il M5S, due messaggi chiari per Renzi e il suo governo, sempre meno salvifico e sempre più normale.

Continue reading about AtterRaggi