Diritti Umani

Tre anni fa, “Maroni assassino”. Oggi, “Alfano e Renzi hanno le camicie sporche di sangue”. L’Italia sugli sbarchi si guarda l’ombelico, ma oggi inizia il nostro semestre Ue.

Continue reading about Camicie sporche

Grillo smentisce i senatori sull’abolizione del reato di clandestinità e ammette: se il M5S non segue la pancia dell’elettorato, sparisce. Ma è politica?

Continue reading about Sotto la pancia

Lampedusa è la frontiera dell’Europa, che fa finta di non vedere. Ma l’Italia non può ridurre tutto a un alibi: sull’immigrazione ha le sue colpe.

Continue reading about Alibi veri e memoria corta

La strategia del dissenso in genere conviene, e lo scrive uno che proprio da un episodio di dissenso – il no al Trattato di amicizia con la Libia, con tanto di ostruzionismo in Aula insieme ai radicali e a Furio Colombo – ha avuto uno dei momenti di maggiore visibilità in quattro anni e mezzo […]

Continue reading about L’asticella del dissenso

Momentaccio per la Lega: ha portato il caso Shalabayeva in Aula, parla di imprese, ma fa notizia solo se insulta gli immigrati. E Mediaset la ignora.

Continue reading about La Lega all’angolo

Dopo quella della settimana scorsa sulle carceri italiane, dalla Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo sono arrivate tre sentenze molto interessanti sulla laicità. Una delle quali, pur trattando di vicende britanniche, in sostanza smonta l’impianto concettuale della legge francese del 2004 sul divieto di ostentare simboli religiosi: una legge passata all’epoca quasi all’unanimità […]

Continue reading about Oh, my God

Sui profughi e sui respingimenti avevamo già preso una scoppola qualche tempo fa, oggi è arrivata quella sui detenuti. Non è mai un bel giorno quando il tuo Paese viene condannato per il mancato rispetto dei diritti umani, e la decisione della Corte europea è solo l’ultima goccia su un vaso – quello delle carceri […]

Continue reading about L’ultima goccia

Il dibattito di ieri su pene alternative al carcere e messa in prova si è fatto così acceso che stamattina, senza che la cosa fosse programmata da tempo, si sono presentati in aula due ministri: quello della Giustizia e quello dell’Interno. La Lega ne è uscita abbastanza ridicolizzata, così come l’Idv e l’ala degli ex […]

Continue reading about La paura in circolo

Almeno ogni tanto, voglio sperare, la politica deve riuscire a dare segni di maturità, mettendo da parte i calcoli elettorali e decidendo in base al merito: è quello che dovrebbe accadere in queste ore, con l’approvazione della legge delega al governo in materia di pene detentive non carcerarie e di messa alla prova. Sono temi […]

Continue reading about Sopra la pancia

Oggi è venuto alla Camera Lobsang Sangay, capo del governo tibetano in esilio: da quando – poco più di un anno fa – il Dalai Lama si è ritirato dall’attività politica, per dedicarsi completamente a quella spirituale, è lui che rappresenta ai massimi livelli la causa del Tibet. Mentre ne parlavo in diretta, sui social […]

Continue reading about E li chiamano terroristi