La notizia era nell’aria già da fine dicembre, ma all’inizio dell’anno ho avuto la conferma – da fonti pluri-incrociate e attendibilissime – che il Pd non mi inserirà nelle liste dei candidati al Parlamento per la prossima legislatura. Sarei stato una presenza abbastanza scomoda, certamente troppo montiano per la linea del partito e di un nuovo gruppo parlamentare più spostato a sinistra, ma credo di poter dire con sincerità che avrei comunque combattuto le mie battaglie (per i diritti umani, l’immigrazione, la trasparenza) con lo stesso spirito di sempre. Non credo abbia molto senso recriminare a oltranza, perché sono cose che nella vita succedono: è successo pure a quel fenomeno di Andrea Pirlo, che si è trovato senza contratto perché non rientrava più nei piani del Milan, figuriamoci a un mezzo scarparo come Andrea Sarubbi. Ma con l’onestà di sempre vorrei spiegare perché è successo.

Sul perché io non mi sia candidato alle primarie ho già scritto più volte: qualcuno me lo ha contestato, moltissimi lo hanno capito, io credo – con quelle regole – di aver fatto la scelta giusta. Avrei partecipato se, accanto al voto locale, ce ne fosse stato uno anche per i candidati “nazionali”, sui temi, magari online o con un’altra scheda, anziché delegare la loro scelta al famoso listino delle competenze. Che va benissimo per alcuni nomi-annuncio provenienti dalla società civile, come ero stato io nel 2008, e che Bersani sta scegliendo con cura: una come Rosaria Capacchione, per dire, alle primarie sarebbe stata bocciata ancora (come lo fu del resto alle ultime Europee nella circoscrizione Sud), ma è giusto che la sua voce simbolo della lotta alla camorra trovi spazio in Parlamento; uno come Pietro Grasso avrebbe preso un quarto dei voti di Francantonio Genovese, il deputato Pd più votato alle primarie in tutto il territorio nazionale, del quale pure fatico a ricordare interventi in Aula di un certo rilievo. Il problema sono gli altri, ossia i parlamentari uscenti che – nei loro 5, 10, 12, a volte 17 o 20 anni di lavoro – si sono distinti per competenze specifiche in un certo argomento: la loro scelta sta avvenendo per appartenenze, ossia per correnti, con quote fisse assegnate ai singoli leader. Il discorso della ditta, tanto caro a Bersani, stavolta vale poco: se mai, l’immagine è quella di una holding con varie società, ognuna con un proprio bilancio. A Letta toccano 5 deputati nel listino? Bene. A Fioroni ne toccano altri 5? Benissimo. A Renzi ne toccano 17? Perfetto. Ognuno decida nel suo, chi resta fuori è fuori, le competenze c’entrano molto meno delle appartenenze. Nel mio caso, ad esempio, è andata così: la massima responsabile del Pd per l’immigrazione, donna retta e generosa che risponde al nome di Livia Turco, ha insistito molto sulla mia candidatura, perché riteneva appunto che le mie competenze sull’argomento potessero essere preziose; la risposta ricevuta da più parti è stata che, se anche fossi stato un fenomeno, in ogni caso di me avrebbe dovuto farsi carico il mio capocorrente. E siccome alle primarie ho sostenuto Renzi, da uomo libero e senza nulla a pretendere, scopro che il mio destino dipende da come si sveglia alla mattina il sindaco di Firenze: i “suoi” 17 li sceglie lui, la holding non ci mette bocca. Così, quando l’artefice unico e sommo del mio destino decide che non ricandiderà parlamentari uscenti, il Pd ne prende atto e Sarubbi è fuori. Me la devo prendere con Matteo, sul quale avrei così tanto da dire che poi dovrei andarmi a confessare seduta stante? Me la devo prendere con un partito che ragiona in base a criteri che farebbero fallire qualsiasi azienda? Me la devo prendere con me stesso, perché ho passato cinque anni a occuparmi dei temi senza mai pre-occuparmi del mio destino personale? Siamo sinceri: un po’ tutte e tre le cose. Shit happens, la mia storia di parlamentare Pd (molto sui generis, lo ammetto, stravagante, rompiscatole e dissidente) pare finita qui. Dicono che noi ci stiamo buttando via, ma siam bravi a raccoglierci.

Did you like this? Share it:

Tags: , , , , , , , ,

57 commenti to “Non è tempo per noi”

  1. GIOVANNI scrive:

    Caro Sarrubbi, ma, tu non conducevi A SUA IMMAGINE ?, non eri tutto Chiesa e casa, e allora perchè ti lamenti se non ti candidano?Credo che ti sarai incazzato, pensa tu con i rosari, le preghiere, e adesso ad incazzarti perchè non puoi accedere alla greppia, secondo me vi dovrebbero mandare tutti in miniera,tanto per cominciare per almeno 2 anni filati , li a provare cosa vuol dire il lavoro, e poi ma solo dopo questa esperienza darvi la possibilità di andarvi a mettere il vostro culo sulla potrona, e forse allora avreste i TITOLI per parlare di fatica e via discorrendo.
    SCUSAMI SE SONO STATO UN PO DURO, MA, SECONDO ME , IN ITALIA SIAMO TROPPO ARRENDEVOLI, SE FOSSIMO IN UN PAESE NORMALE PROBABILMENTE PER MOLTI DI VOI LA CARRIERA POLITICA SAREBBE MOLTO MENO APPETIBILE, IN QUANTO MOLTO MENO REMUNERATIVA E MOLTO PIU’ COMPLESSA.TI SALUTO

  2. Simone scrive:

    “La mia storia di parlamentare Pd pare finita qui. ”

    Parlamentare, chi ha detto che non ce ne possa essere una un po’ meno importante ma comunque gratificante al servizio dei cittadini e al fianco del Pd?

    Con affetto,
    @absurdityT

  3. sergio scrive:

    Io voglio dire semplicemente che non si possono candidare tutti quelli che lo desiderano,per contro non portiamo astio al rifiuto,come sul lavoro non tutti possono diventare direttori o manager,al contrario bisogna continuare a lavorare per dimostrare il torto subito.Mai come questa volta il P.D.ha candidato giovani e ragazze se si vincerà avremo un parlamento con molti giovani,peccato che gli altri partiti non facciano la stessa cosa…

  4. mario scrive:

    Badate bene che ai giovani faranno solo “pigiare i bottoni” e come pare ai vecchi

  5. Giuseppe69 scrive:

    Il guaio di oggi, è proprio quello che, ogni possessore di pacchetti di voti, decide di candidarsi è lo fa!! Ora niente male se, si hanno capacità legislative, come amministratore della cosa pubblica, sia a livello nazionale, che locale!

  6. Enrico scrive:

    La mancata candidatura spero non significhi non supportare associazioni e gruppi che in te vedevano un referente… In bocca al lupo per tutto!
    Enrico

  7. Pietro scrive:

    Caro Andrea,
    Platone sosteneva che la politica e’ l’arte di rendere onorevoli gli uomini
    Il tuo impegno in questi anni per i piú deboli ti ha reso onorevole anche se nn sarai piú in parlamento
    Sempre a testa alta.
    Pie

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Paged comment generated by AJAX Comment Page
IMPORTANTE! Prima di pubblicare il commento, devi mostrare le tue abilità matematiche e risolvere la difficilissima operazione qui sotto (è una precauzione anti-spam, abbi pazienza). Poi spingi il pulsante "submit".

Quanto fa 5 + 11 ?
Please leave these two fields as-is: