Calcio

Oggi La Stampa ha deciso di pubblicare una pagina su un tema non propriamente da campagna elettorale, con un titolo quasi kamikaze, vista l’aria che tira: “La prima volta fuori dal Palazzo senza stipendio e vitalizio”. La domanda è: cosa fa un deputato uscente che ha ancora molti anni davanti prima della pensione? La risposta […]

Continue reading about A lavorare!

Il mio fioretto di oggi è non partecipare al gioco della lavagna, che mi pare abbia contagiato un po’ tutti in queste ore tese prima del ballottaggio di domani. Da una parte e dall’altra, stiamo dividendo il mondo in due colonne: di qua i bravi, cioè noi, e di là i cattivi, cioè loro; di […]

Continue reading about La lezione del rugbista

Signor Gian Piero Amandola – o dottore, faccia Lei – credo di avere i requisiti sufficienti per poterLe scrivere. Prima ancora di essere un tifoso juventino sono un deputato eletto a Napoli, e prima di arrivare in Parlamento ho lavorato per una decina d’anni in Rai. Be’, io una roba come il Suo servizio per […]

Continue reading about Trasmettiamo tele-ultrà

Quando a inizio anno abbiamo cambiato la macchina, perché non entravamo più in quella di prima, ho avuto un momento di commozione: ho guardato per l’ultima volta la Classe A nera, 7 anni e 160 mila chilometri, e l’ho accarezzata come se fosse una persona. Aveva visto nascere i miei figli, ci aveva portato in […]

Continue reading about Fine di un ciclo

Del calcio in Italia mi ha sempre colpito, oltre a tutto il resto, la capacità di raccontare un Paese. Quel Paese fatto di campanili anche quando si parla di un interesse comune, per cui il giorno dopo la finale degli Europei si discute al bar se abbia fatto più schifo il difensore juventino o l’attaccante […]

Continue reading about Il Paese dei campanili

Stavolta non mi limito al solito tema dell’Italia che cambia, che mi occupa più sere alla settimana nei dibattiti dedicati alla cittadinanza dai vari circoli Pd: stavolta approfitto di Mario Balotelli per parlare anche dell’Italia che non cambia, di un Paese mentalmente pigro e impreparato a raccontare cose nuove. Grazie a un paio di goal […]

Continue reading about Ancora qui?

Quando tre mesi fa mi trovai davanti Claudio Lotito al quarto piano di Palazzo Montecitorio, nel corridoio della Commissione Cultura, pensai che la legge sugli stadi non si sarebbe più fatta: il presidente della Lazio – così almeno diceva Radio Transatlantico in quei giorni – aveva praticamente convinto un buon pezzo del Terzo Polo e […]

Continue reading about Forse ci siamo

Nel momento in cui si parla di calcio marcio, e pare che le indagini sulle scommesse non siano ancora finite, approfitto della chiusura dell’Aula per proporvi un regalo di Natale in nome del calcio sano. Probabilmente non ne avrete mai sentito parlare, né mi pare che le tv facciano a cazzotti per aggiudicarsene i diritti, […]

Continue reading about Campo dei miracoli

L’immigrazione e il calcio: i miei due ingredienti preferiti si incrociano in una storia che, per ora, non è a lieto fine. Riguarda alcuni bambini nati e cresciuti qui, figli degli immigrati, che secondo la nostra legge non possono diventare italiani prima dei 18 anni: tifano per la Juve o per l’Inter, ai mondiali soffrono […]

Continue reading about Tu non puoi giocare

Oggi è il giorno del silenzio, in vista dei ballottaggi di domani, ma è pure il giorno della finale di Champions league. Così, per festeggiare la fine di una campagna elettorale lunghissima (ma anche molto divertente, soprattutto a Milano), cerchiamo di fare l’identikit calcistico dei vari protagonisti. Io comincio con qualcuno, ma chi di voi […]

Continue reading about Calcisticamente