Welfare

È difficile capire se quello di Civitanova Marche sia stato un suicidio per povertà o un suicidio per vergogna. Probabilmente entrambe le cose, perché quando non sei abituato a chiedere aiuto, ma ti ritrovi nelle condizioni di doverlo fare, il macigno psicologico non è meno pesante di quello materiale. E se hai fatica ad ammetterlo […]

Continue reading about La vergogna di essere nudi

Premetto che gli spot elettorali del Pd, usciti ieri, mi sono piaciuti: molto per l’idea stessa che c’è dietro, un po’ perché parlano anche di me, che al pontile di Ostia beach sono cresciuto (spot del bacio) e che ho provato due volte l’attesa di un figlio (spot del parto). Premesso questo, dicevo, mi sono […]

Continue reading about Tra pubblico e privato

Nel 2009, il Comune di Roma sigla un accordo con tre sindacati – Cisl, Uil e Ugl– sull’utilizzo di 32 milioni di euro da destinare alle fasce deboli. Passano diversi mesi, però, e sul modo in cui i fondi verranno utilizzati non si fa chiarezza, fino a quando – un anno dopo, in risposta a […]

Continue reading about Pacchi voto

La legge di stabilità è arrivata stamattina nella mia Commissione, dove le ulteriori sforbiciate al welfare e alla sanità hanno suscitato – lo dico con un eufemismo – qualche malumore diffuso. Alla fine la voteremo con questi saldi, per non buttare a mare tutta l’opera di risanamento avviata nell’ultimo anno, ma da qui al voto […]

Continue reading about Ti voto, ma ti cambio

La prima impressione, dopo aver sentito l’audizione di Andrea Riccardi in Commissione Affari Sociali, è che se il governo riuscisse a fare metà delle cose che ha in mente sarebbe già un buon risultato: non solo in termini relativi – il predecessore alla Famiglia, il mitico Giovanardi, aveva addirittura autodenunciato la propria irrilevanza e minacciato […]

Continue reading about L’ammortizzatore

Per una serie di ragioni anche un po’ strane – fra cui un mio colloquio piuttosto casuale con Angelino Alfano, qui alla Camera – in Commissione Affari Sociali è ripreso oggi l’esame di un provvedimento importante che il governo ci aveva affossato. Ne avevo già parlato: è quello che in gergo chiamiamo “Dopo di noi” […]

Continue reading about Ci riproviamo

Le cito in ordine cronologico, come le ho sentite dal ministro. Uno: “Per migliorare il welfare ci vogliono soldi, e per i soldi ci vuole crescita. Senza crescita, al massimo possiamo parlare di redistribuzione”. Due: “Non abbiamo risorse per una grande riforma dell’assistenza, quindi cerchiamo solo di evitare sprechi”. Tre: “Mi dispiace per i servizi […]

Continue reading about Il ministro senza welfare

Chiudo gli occhi e faccio un sogno: un Paese in cui gli immigrati regalano ogni anno un miliardo e mezzo di euro allo Stato che li ospita; in cui abbassano l’età media della popolazione (44 quella degli autoctoni, 32 la loro) e danno una grossa mano al sistema previdenziale con i 7 miliardi e mezzo […]

Continue reading about L’Italia reale

Il metodo Gelmini, è il caso di dirlo, ha fatto scuola. Lì c’erano da tagliare i fondi per l’istruzione, qui c’è da smontare lo Stato sociale, ma la sostanza non cambia: per nascondere il massacro agli occhi dell’opinione pubblica, il governo lo maschera da riforma. Le parole d’ordine con la Gelmini erano maestro unico e […]

Continue reading about Il taglio in maschera

“Nel 2010, nella provincia di Napoli, l’Inps ha verificato il 55% delle prestazioni e ne ha congelate il 20%; a Terzigno un abitante su due ha diritto a una pensione dell’Inps”. Cito solo un passaggio dell’intervento della Lega, durante la discussione sui falsi invalidi, per farvi capire che aria tirava stamattina alla Camera: le mozioni […]

Continue reading about Fumo negli occhi