Unità D’Italia

Oggi è uno di quei giorni da cerimonie: pure se, come me, non sei un tipo particolarmente cerimonioso. Se avessi avuto il dono della bilocazione, stamattina sarei andato all’alzabandiera dei nuovi italiani a Milano; siccome non sono padre Pio, però, a quell’ora ero nella basilica di Santa Maria degli angeli, per la Messa organizzata dalla […]

Continue reading about Passata la festa

Per la seconda volta dall’inizio della legislatura, il gruppo del Pd ha portato in Aula un mio question time: il primo fu due anni fa sui tagli alla cooperazione internazionale, quello di oggi è stato sulla cittadinanza. Ho preso spunto da un problema di ordine pratico: la chiusura di un call center inaugurato nel 2005 […]

Continue reading about Un terno al lotto

Almeno una volta l’anno, quando si ritrovano a Pontida, i leghisti si tolgono la maschera: il partito che governa l’Italia e difende la tradizione cristiana si riscopre secessionista e pagano. È stato così anche oggi, tanto per non perdere il vizio: abbiamo sentito inneggiare alla divisione del nostro Paese, al Va’ pensiero, ai milioni di […]

Continue reading about Tra Roma e Pontida

Non ho capito ancora se siano bravi loro a provocare o fessi noi a cascarci, ma di certo c’è che la Lega è bravissima – come si dice a Napoli – a friggere il pesce con l’acqua: ormai ha lanciato un marchio che va avanti da solo, anche quando sotto il vestito non c’è niente. […]

Continue reading about Il fumo e l’arrosto

Nella mia famiglia fu quattro a zero: votarono per la Repubblica sia i miei nonni paterni, meridionali di tradizione socialista, che quelli materni, settentrionali di tradizione democristiana. Credo che le più emozionate fossero le nonne, che all’epoca non avevano grande dimestichezza con il voto, ma fu per tutti una festa grande, anche perché – dopo […]

Continue reading about 2 giugno