Udc

La decisione del governo di intervenire sul permesso di soggiorno agli immigrati irregolari che denunciano il proprio datore di lavoro – ieri in un comunicato l’ho definita “legge Rosarno”, per rendere bene l’idea - mi sembra un atto di civiltà, che non meriterebbe nemmeno troppi commenti. Invece, grazie alla parte più becera della destra, in queste […]

Continue reading about La legge Rosarno

A inizio legislatura, ancora fresco di televisione, avevo chiesto di far parte della Commissione di vigilanza Rai. Non mi accontentarono, ma quattro anni dopo capisco di non essermi perso un granché: la mia idea di voler aiutare dal Parlamento l’azienda in cui avevo lavorato 9 anni sarebbe rimasta frustrata, visto come sono andate le cose […]

Continue reading about Nel calderone

Se avesse potuto, durante l’intervento di Di Pietro, Elsa Fornero gli avrebbe tolto volentieri la parola: scuoteva la testa, commentava con il collega Giarda (“Non capisce!”), gesticolava. Per fortuna nostra, però, questa volta è stata zitta, perché tra le doti di questo ministro c’è quella straordinaria di dire anche le cose giuste nel modo sbagliato: […]

Continue reading about Bersaglio facile

Il giornalista che andasse a misurare per strada la preoccupazione degli italiani per l’Europa la troverebbe probabilmente grandissima, ma per la semifinale di stasera con la Germania. Il Consiglio europeo di oggi e domani – e forse sabato, e forse anche domenica, se la disponibilità di Monti di trattare a oltranza verrà accolta – è […]

Continue reading about Sostegno a fette

Con tutto il rispetto per i legittimi aspiranti a Palazzo Chigi, compresi quelli del Centrosinistra, l’idea che oggi Monti ha lasciato al Parlamento è che siamo nelle migliori mani possibili in un momento così difficile. Lo scrivo senza piaggeria – anzi, conscio del tasso di impopolarità che questa affermazione potrà suscitare in alcuni – ma […]

Continue reading about Alla pari

Appena quattro giornalisti in Aula, un centesimo di quelli che sono in Polonia a seguire la Nazionale, e spalti nemmeno tanto gremiti, visto che – in particolare nei banchi del Pdl – si potevano contare parecchie sedie vuote. Eppure, l’intervento di Monti sull’Europa è stato molto importante, così come del resto le repliche dei vari […]

Continue reading about Mezza cottura

Alla fine, come sospettavamo da tempo, l’unico modo per far passare il ddl anticorruzione sarà il prendere o lasciare: o il Pdl si piega alle tre fiducie che il governo ha messo stamattina su altrettanti articoli del provvedimento, oppure si prende la responsabilità di mandare Monti a casa domani stesso. Dal punto di vista economico, […]

Continue reading about Prendere o lasciare

Nessuna richiesta di aiuto internazionale, un decreto in scrittura, 3700 uomini e 670 mezzi della Protezione civile impegnati nelle zone terremotate; qualche decisione di emergenza è già stata presa la settimana scorsa dal governo (sospensione dell’Imu) e dal Parlamento (160 milioni dalla tranche di rimborsi elettorali), qualcos’altro (tipo l’allentamento del patto di stabilità) dovrebbe essere […]

Continue reading about Emergenza continua

Che la proposta di Berlusconi sulle riforme istituzionali sia un bluff lo si può facilmente immaginare, visto come sono finite le amministrative: capita anche a me, con mio figlio di 7 anni, che le rare volte in cui lo sto battendo in qualche gioco mi chieda all’improvviso di giocare a qualcos’altro. Ma i bluff bisogna […]

Continue reading about Il grande bluff

La differenza tra una maggioranza tecnica e una politica si è vista tutta oggi in Sala del mappamondo, dove erano riunite in congiunta le commissioni Affari costituzionali e Giustizia per l’esame del ddl anticorruzione. In teoria non ne farei parte, in pratica mi è stata chiesta una sostituzione per una collega impegnata nel suo collegio […]

Continue reading about Se chiama il capo