Tremonti

Il metodo Gelmini, è il caso di dirlo, ha fatto scuola. Lì c’erano da tagliare i fondi per l’istruzione, qui c’è da smontare lo Stato sociale, ma la sostanza non cambia: per nascondere il massacro agli occhi dell’opinione pubblica, il governo lo maschera da riforma. Le parole d’ordine con la Gelmini erano maestro unico e […]

Continue reading about Il taglio in maschera

Lo dico con profonda tristezza, ma ormai mi sto abituando pure alla vergogna: la vergogna che mi assale ogni anno, più o meno di questi tempi, quando Action aid pubblica il rapporto annuale sull’Italia e la lotta alla povertà nel mondo. Non che ne abbia responsabilità dirette, per carità: nel mio piccolo, pur non facendo […]

Continue reading about Per giustizia o per convenienza

Quando stamattina mi sono accorto dell’assenza di Tremonti al voto su Milanese, ho pensato due cose: da un lato, che la maggioranza era sicura di farcela, avendo ricevuto rassicurazioni pesanti dalla Lega, perché quando sei in ballo di un voto o due tiri giù dal letto pure i moribondi e li fai venire in Aula; […]

Continue reading about Un uomo fortunato

Quelli che prima si vantavano di approvare una manovra in nove minuti e mezzo, oggi ne approvano una ogni nove minuti e mezzo. Credo che anche loro abbiano perso il conto delle modifiche, e non saprei dire quanti – giornalisti compresi – abbiano capito veramente cosa è rimasto dentro e cosa è stato spazzato via […]

Continue reading about Mi gioco un euro

Mi dispiace essere poco originale, ma dopo aver letto l’autodifesa di Tremonti sui giornali di oggi non posso non pensare alle sue colleghe svedesi. Riassumo per i dieci italiani che ancora non conoscono la storia: nel 2006, il ministro Marie Cecilia Stegö Chilò, appena nominato alla Cultura, fu obbligato a dimettersi dopo dieci giorni. Aveva […]

Continue reading about Ancora qui?

Non è facile spiegarlo a chi entra in contatto con la politica solo guardando il Tg1, ma il fatto che il Pd abbia acconsentito ad un’accelerazione dei tempi sulla manovra non significa che il Pd sia d’accordo sulla manovra, né che l’abbia votata: anzi, del testo approvato oggi pensiamo tutto il male possibile. Tanto è […]

Continue reading about Responsabili davvero

Per quanto poco adatta alla calda domenica estiva, e per quanto in generale poco appetibile ai non addetti ai lavori, la notizia del giorno è che gli avvoltoi cominciano a girare sulle nostre carni: se ne è accorta anche l’Europa, che domattina metterà attorno allo stesso tavolo i suoi massimi vertici (van Rompuy, Barroso, Trichet, […]

Continue reading about Debole Italia

Non credo che riuscirò a convincere un alto numero di lettori, ma non è convincere che mi interessa: l’unico obiettivo della discussione sui vitalizi, che apro oggi ma che probabilmente continueremo anche in futuro, è quello di offrire un quadro della situazione il più possibile obiettivo. Lo faccio proprio ora che è ripresa la discussione […]

Continue reading about Parliamone

Sono ormai diversi giorni che si parla solo dei tagli alle tasse: tagli virtuali, perché al momento sono fermi nella testa di Tremonti, e nessuno può prevedere se, quando e come si tradurranno in un articolo di legge. Invece – e lo dico con sommo dispiacere – nessuno sembra essersi accorto dei tagli che il […]

Continue reading about I tagli veri

Devo confessare che il dibattito interno alla maggioranza sulla riforma fiscale interroga anche me, che pure sto all’opposizione, perché è evidente che siamo di fronte al problema dei problemi, alla porta stretta che qualsiasi inquilino di Palazzo Chigi (presente o futuro) deve attraversare. Evito di riassumere quello che già sappiamo tutti, sul lungo cammino che […]

Continue reading about La cosa sbagliata