Terremoto

Polemiche pure sul terremoto, che diventa l’occasione buona per tutto: attaccare il governo, fare uno spot al sì al referendum, criticare il Papa. Aiuto.

Continue reading about Un bel tacer

Il labrador Leo, nuovo eroe del post-terremoto, ha già incontrato il Papa, la Merkel e Renzi. Piace a destra e a sinistra, perché è un cane.

Continue reading about Leo, la Pixar e il bisogno di eroi

Il decreto sul terremoto appena approvato dalla Camera è un buon esempio di come la politica possa dare risposte positive, sia nel metodo che nel merito. Nel metodo, perché per una volta si è messa da parte la contrapposizione tra partiti e si è finalmente cercato di lavorare insieme, anche in sintonia con la Regione […]

Continue reading about L’Emilia riparte

A un mese dal terremoto, il decreto sul riordino della Protezione civile – che il governo aveva licenziato prima, ma che è arrivato in Aula questa settimana – acquista un significato ancora maggiore di quello che già avrebbe avuto di suo. Ci eravamo lasciati, ai tempi di Berlusconi, con la proposta di privatizzarla; ma il […]

Continue reading about Post criccam

Sul Corriere della sera di sabato, Marco Imarisio raccontava la storia bellissima di un birrificio terremotato: un’azienda un po’ speciale, a conduzione familiare, che faceva lavorare disabili psichici e che ora si trovava senza cella frigorifera. Mi sono messo all’opera per cercarne una, e quando l’ho trovata – all’ora di pranzo di sabato stesso – ho […]

Continue reading about La foto di Vasco

Nessuna richiesta di aiuto internazionale, un decreto in scrittura, 3700 uomini e 670 mezzi della Protezione civile impegnati nelle zone terremotate; qualche decisione di emergenza è già stata presa la settimana scorsa dal governo (sospensione dell’Imu) e dal Parlamento (160 milioni dalla tranche di rimborsi elettorali), qualcos’altro (tipo l’allentamento del patto di stabilità) dovrebbe essere […]

Continue reading about Emergenza continua

Non vorrei mancare di rispetto a nessuno, ma ascoltando Annamaria Cancellieri in Commissione Affari Costituzionali non ho avuto l’impressione di trovarmi di fronte a un nuovo ministro dell’Interno con un suo programma di governo: mi è sembrata piuttosto un amministratore pro tempore di un’eredità lasciata da altri (in questo caso Pdl-Lega), così come a Bologna […]

Continue reading about L’eredità

Ci stanno facendo votare una roba indigeribile. Poi non se ne accorge nessuno, perché fra la Libia e lo squagliamento dei finiani l’informazione è abbastanza occupata, ma questo decreto milleproroghe è un’autentica schifezza. E così ci siamo messi a fare ostruzionismo in Aula, sapendo comunque che metteranno la fiducia perché è il loro unico modo […]

Continue reading about Scilipoti capirà

Scrivo con un certo pudore della manifestazione di ieri all’Aquila, perché la voglia di condividere le mie emozioni si mischia con un senso di vergogna: la vergogna di chi, pur non avendo colpe specifiche, si è presentato dai terremotati a mani vuote, senza neanche la consolazione di un emendamento approvato in Finanziaria. Soltanto un ordine […]

Continue reading about SOS L’Aquila chiama Italia

Mentre il nostro presidente del Consiglio è occupato a mettere pezze sulla vicenda di Ruby, spiegandoci che si trattava in realtà di un nobile gesto umanitario e che avrebbe fatto lo stesso con chiunque – i terremotati aquilani, per dire, sono ancora lì nelle sue ville, dove hanno trovato sistemazione ormai da un annetto – […]

Continue reading about Caduta libera