Tagli

La foto qui sopra l’ho scattata stamattina, in un anonimo ospedale romano dove da ieri è ricoverata mia madre (speriamo tutto bene, grazie). È un ospedale pubblico abbastanza quotato per la competenza di chi ci lavora, che quando hai una persona cara malata è l’unica cosa che ti interessa. L’ospedale non è un albergo di […]

Continue reading about Sanità

Per quanto mi riguarda, ritengo che i trattati di oggi sulla stabilità economica dell’eurozona siano arrivati con 13 anni di ritardo: avrebbe avuto senso prevederli già insieme alla nascita della moneta unica, per evitare di trovarci poi in una situazione del genere. Sono misure severe, anche se la favola sui 45 miliardi di tagli all’anno […]

Continue reading about L’Europa sul serio

Quando si parla di sanità è facile avere la risposta in tasca, ma il difficile è avere quella giusta. Perché la storia delle siringhe che in una Regione costano il quadruplo rispetto a un’altra è vera, così come è vera quella del consumismo dei farmaci e quella degli esami diagnostici prescritti ad abundantiam, ma tutte […]

Continue reading about Bisturi

Le possibilità per raddrizzare i conti sono solo due, incassare di più o spendere di meno, e il governo Monti le sta provando entrambe, come farebbe ogni governante dotato di cervello. Poi ci sono modi rozzi e modi raffinati: i primi posso immaginarli anch’io mentre guardo le partite, senza bisogno di un governo tecnico; i […]

Continue reading about Qualcosa di tecnico

Se il trasporto pubblico locale si reggesse solo sulla vendita dei biglietti, prendere l’autobus o la metropolitana costerebbe intorno ai 5 euro: è un calcolo abbastanza ad occhio, ma non credo di allontanarmi troppo dalla cifra esatta. Se il costo è ancora contenuto, insomma, è nel perché nel corso degli anni lo Stato ha erogato […]

Continue reading about Fuori servizio

Il metodo Gelmini, è il caso di dirlo, ha fatto scuola. Lì c’erano da tagliare i fondi per l’istruzione, qui c’è da smontare lo Stato sociale, ma la sostanza non cambia: per nascondere il massacro agli occhi dell’opinione pubblica, il governo lo maschera da riforma. Le parole d’ordine con la Gelmini erano maestro unico e […]

Continue reading about Il taglio in maschera

L’unico risultato che sono riuscito a portare a casa, sul decreto missioni che la Camera ha appena convertito in legge, è stato un risultato di bandiera: grazie ad un mio emendamento pluripartisan – che ho scritto con Pezzotta (Udc), Di Stanislao (Idv) e Di Biagio (Fli), ma che è stato firmato anche da altri deputati […]

Continue reading about Quattro soldi

Ho chiesto espressamente di intervenire in Aula sul bilancio della Camera, perché restasse agli atti quello che penso sui costi della politica: mai come quest’anno, infatti, l’approvazione del nostro bilancio è diventata l’occasione per un processo alla casta. Da Benito Mussolini a Silvio Berlusconi, passando per il qualunquismo di Guglielmo Giannini, l’attacco alla politica è […]

Continue reading about La radice del problema

“Nel 2010, nella provincia di Napoli, l’Inps ha verificato il 55% delle prestazioni e ne ha congelate il 20%; a Terzigno un abitante su due ha diritto a una pensione dell’Inps”. Cito solo un passaggio dell’intervento della Lega, durante la discussione sui falsi invalidi, per farvi capire che aria tirava stamattina alla Camera: le mozioni […]

Continue reading about Fumo negli occhi

Non è facile spiegarlo a chi entra in contatto con la politica solo guardando il Tg1, ma il fatto che il Pd abbia acconsentito ad un’accelerazione dei tempi sulla manovra non significa che il Pd sia d’accordo sulla manovra, né che l’abbia votata: anzi, del testo approvato oggi pensiamo tutto il male possibile. Tanto è […]

Continue reading about Responsabili davvero