Sport

Italia in vetrina per la cena alla Casa Bianca, e Renzi se l’è giocata bene. Buon appetito a tutti, ma soprattutto a Giusi Nicolini e Bebe Vio.

Continue reading about A cena da Barack

Dopo gli US Open, l’onnivoro Renzi è accusato di speculare sui successi sportivi. Anche dal partito di Berlusconi, che ci ha costruito il proprio consenso.

Continue reading about L’onnivoro e le anime in pena

Ricomincia il campionato: con i problemi di sempre, dice Damiano Tommasi, che cerca di cambiare il calcio dal di dentro.

Continue reading about Palla al centro

Gli agenti del giovane Michael Sam, giocatore di football del Missouri, hanno in mano una notizia: il loro assistito ha comunicato loro di essere omosessuale. Sembra un dettaglio, ma non lo è, perché da questo particolare potrà dipendere il futuro sportivo dell’atleta (e di conseguenza anche quello economico della sua agenzia): qualcuno potrebbe ingaggiarlo apertamente […]

Continue reading about Coming out

Non si scelgono i ministri con l’album delle figurine, commentano gli indignati per il caso Idem, perché non basta essere campioni olimpici per poter governare il Paese: neppure se la delega a te assegnata riguarda, almeno in parte, il mondo in cui hai trascorso la tua vita. È una tesi che non condivido appieno – […]

Continue reading about Le medaglie in guardaroba

Sempre a proposito di Usa e di immigrazione: il fenomeno al Super Bowl di ieri sera è stato Joe Flacco,  quarterback di chiare origini italiane. Come lo erano altri due quarterback amatissimi negli anni Ottanta, Joe Montana (San Francisco 49ers) e Dan Marino (Miami Dolphins). La cosa curiosa è che quest’anno ha vinto la squadra […]

Continue reading about Italian pride

Quando tre mesi fa mi trovai davanti Claudio Lotito al quarto piano di Palazzo Montecitorio, nel corridoio della Commissione Cultura, pensai che la legge sugli stadi non si sarebbe più fatta: il presidente della Lazio – così almeno diceva Radio Transatlantico in quei giorni – aveva praticamente convinto un buon pezzo del Terzo Polo e […]

Continue reading about Forse ci siamo

Monti ha deciso, viva Monti. E più spiega le sue motivazioni del no alla candidatura olimpica, più appare chiaro a tutti che ha deciso nel modo migliore, con saggezza e onestà intellettuale. Sarei ipocrita se negassi di aver sperato nelle Olimpiadi, come occasione di rilancio per un Paese in crisi e per una città moribonda; […]

Continue reading about Arrivederci Roma

Nel momento in cui si parla di calcio marcio, e pare che le indagini sulle scommesse non siano ancora finite, approfitto della chiusura dell’Aula per proporvi un regalo di Natale in nome del calcio sano. Probabilmente non ne avrete mai sentito parlare, né mi pare che le tv facciano a cazzotti per aggiudicarsene i diritti, […]

Continue reading about Campo dei miracoli

Il tuffo qui sopra è di ieri sera, in una piscina di Londra. Non è un tuffo qualunque, perché è il primo in quell’impianto, e non è neppure una piscina qualunque, perché è quella dell’Aquatics Centre, dove si svolgeranno le gare di nuoto delle Olimpiadi 2012. Gli inglesi, si sa, sono previdenti, ed hanno scelto […]

Continue reading about Il carrozzone