Rutelli

Il governo Gentiloni sta a quello Renzi come la carbonara vegetariana a quella normale: a parte il guanciale, la ricetta non cambia.

Continue reading about La carbonara vegetariana

Rapporti ai minimi storici tra Cgil e Pd dopo lo scontro tra Camusso e Renzi. Ma a molti non dispiace, per motivi diversi.

Continue reading about La cinghia si spezza?

C’era un ministro che si indignava se un rinviato a giudizio veniva chiamato colpevole. Oggi, sul caso Yara e senza Berlusconi da difendere, ha cambiato idea.

Continue reading about L’ansia di Angelino

Si avvicinano le primarie e il congresso del Pd si trasforma in una sfida tra fantasmi: berlusconismo contro dalemismo. Come se non ci fosse un futuro.

Continue reading about Fantasmi

Da giorni, e non per propaganda, andiamo dicendo che al ballottaggio si riparte da zero a zero. E citiamo tre casi recenti in cui il secondo turno ha ribaltato il primo: Parma 2012, Napoli 2011, Roma 2008. Nel primo caso, Pizzarotti partì con la metà dei voti di Bernazzoli e finì con 20 punti di […]

Continue reading about Swing voters

Prima ancora che Matteo Renzi si candidasse per le primarie, avevo già deciso da quale parte stare: dalla parte di un’offerta politica di Centrosinistra più coraggiosa di quella che eravamo stati capaci di mettere sul piatto negli ultimi 4 anni. Non ne ho mai fatto una questione contro Pierluigi Bersani, persona di grande equilibrio e […]

Continue reading about Io voto per

Stamattina ad Agorà, su Raitre, Francesco Rutelli voleva convincermi della bontà dell’emendamento sul carcere per i giornalisti colpevoli di diffamazione: scrivo questo post per mia madre, che ci è quasi cascata. La tesi di Rutelli era articolata su un paio di punti: il primo è che il carcere serve come misura deterrente, ma tanto poi […]

Continue reading about Nonostante Sallusti

Protagonisti: tre colleghi deputati appartenenti a partiti microscopici. Luogo e tempo: un divanetto del Transatlantico, poco fa. Tema: le notizie sulla riforma elettorale provenienti dal Senato, altresì nota come Riporcellum. Svolgimento: “La soglia alta per avere il premio di maggioranza è una benedizione per tutti. Basta andare da Berlusconi e spiegargli che, con alcuni nostri […]

Continue reading about Riporcellum

La più importante scossa di assestamento dopo il terremoto elettorale mi sembra la morte in culla del Terzo Polo, annunciata ieri sera da Casini con una doppietta mediatica (per i vecchietti l’intervista al Tg1, per i gggiovani un tweet) che non mi pare sia stata preceduta da grande dibattito interno. Non so nemmeno se lo […]

Continue reading about Il polo sciolto

Non sono un grande esperto di numeri parlamentari, lo confesso, ma una cifra ce l’ho bene in testa. Il giorno in cui si è aperta la legislatura, il Centrodestra poteva contare su 344 deputati: 276 del Pdl, 60 della Lega e 8 del Movimento per le autonomie. Una settimana dopo, dall’Udc arrivò il 345esimo: era […]

Continue reading about Come le ciliegie