Riccardi

Con il Renzi uno scompare il ministero dell’Integrazione: due ministri in poco più di due anni, molti spunti per la polemica leghista, meno risultati di quanti gli stessi ministri avrebbero probabilmente desiderato. Qualcosa di buono è venuto fuori sia con Andrea Riccardi che con Cécile Kyenge – soprattutto sul fronte della burocrazia e della vita […]

Continue reading about Disintegrazione

La Camera ha approvato ieri pomeriggio, nella Giornata dell’infanzia, una mozione che impegna il governo sulla cittadinanza ai minori: in teoria dovrei cantare vittoria, salutando il frutto di un lungo lavoro che mi vede coinvolto in prima linea da luglio 2009; in pratica sono ormai troppo smaliziato per entusiasmarmi, dopo quattro anni e mezzo di […]

Continue reading about Too little, too late

Il presidente delle Acli spiegava ieri su Europa che “stavolta la società civile vuole metterci la faccia”. Stavolta significa, senza giri di parole, alle prossime elezioni. Società civile significa un raggruppamento di organizzazioni cattoliche, di nobile tradizione e di notevole credibilità. Metterci la faccia significa salire sul treno di Montezemolo: non nel senso di Italo, […]

Continue reading about Metterci la faccia

Se l’aria è quella che annuso, il rischio di non fare primarie per il sindaco di Roma è abbastanza alto. E sarebbe una disgrazia, dal mio punto di vista, a meno che non salti fuori un fenomeno in grado di mettere tutti d’accordo. Ma siccome il fenomeno non lo vedo, o si è nascosto finora […]

Continue reading about Damose da fa’

L’altro giorno parlavo di pregi e difetti contenuti nel ravvedimento operoso, che il governo ha avviato sabato scorso per fare uscire dall’irregolarità parecchi immigrati in possesso di un lavoro. Ho volutamente trascurato uno degli aspetti più controversi – quello sulla certificazione della presenza in Italia prima del 31 dicembre 2011 – perché spero di poterne […]

Continue reading about Buoni o cattivi

Il governo lo definisce ravvedimento operoso, i giornali la chiamano sanatoria; il succo è che, da oggi, chi vive in Italia senza permesso di soggiorno ma con un lavoro in nero ha un mese di tempo per regolarizzare la propria posizione: sia quella lavorativa, sia quella della permanenza nel territorio nazionale. L’approccio è piuttosto pragmatico, […]

Continue reading about Fuori dal buio

Dice Monti, in un’intervista a Famiglia cristiana di cui è stata appena diffusa un’anticipazione, che non rischierà la stabilità del suo governo sull’altare della cittadinanza ai figli degli immigrati. E la mette sul pragmatico: “Potrei avere una soddisfazione intima morale”, perché è un tema a cui tengo, ma “se fosse risolto il problema al prezzo […]

Continue reading about Il pragmatico

La prima impressione, dopo aver sentito l’audizione di Andrea Riccardi in Commissione Affari Sociali, è che se il governo riuscisse a fare metà delle cose che ha in mente sarebbe già un buon risultato: non solo in termini relativi – il predecessore alla Famiglia, il mitico Giovanardi, aveva addirittura autodenunciato la propria irrilevanza e minacciato […]

Continue reading about L’ammortizzatore

Al ministro Riccardi non fa schifo la politica, altrimenti non avrebbe accettato di mettere tra parentesi il suo impegno per dedicarvisi. E se fino al giorno prima del giuramento al Quirinale era un tecnico, ora è un politico anche lui, come del resto lo sono diventato io – che di tessere in vita mia avevo […]

Continue reading about Tutti al teatrino

Alla fine mi toccherà ringraziare Beppe Grillo, perché con la fesseria che ha detto è riuscito a riportare la cittadinanza al centro del dibattito politico. Sulla sua uscita non aggiungo molto a quello che ho già scritto pubblicamente, nei social network e nei comunicati stampa: una persona abituata a ragionare per paradossi a volte perde […]

Continue reading about Italiani vecchi e nuovi