Razzismo

Ho concluso la mia carriera quinquennale di interrogazioni parlamentari oggi pomeriggio, con il tema che più di tutti mi tocca il cuore: l’immigrazione e, in particolare, la cittadinanza. Ieri, Giornata del migrante, c’era stato un botta e risposta a distanza tra il rapper Amir, autore della colonna sonora di Scialla, e il presidente della Repubblica. […]

Continue reading about Caro presidente

Signor Gian Piero Amandola – o dottore, faccia Lei – credo di avere i requisiti sufficienti per poterLe scrivere. Prima ancora di essere un tifoso juventino sono un deputato eletto a Napoli, e prima di arrivare in Parlamento ho lavorato per una decina d’anni in Rai. Be’, io una roba come il Suo servizio per […]

Continue reading about Trasmettiamo tele-ultrà

Stavolta non mi limito al solito tema dell’Italia che cambia, che mi occupa più sere alla settimana nei dibattiti dedicati alla cittadinanza dai vari circoli Pd: stavolta approfitto di Mario Balotelli per parlare anche dell’Italia che non cambia, di un Paese mentalmente pigro e impreparato a raccontare cose nuove. Grazie a un paio di goal […]

Continue reading about Ancora qui?

Il signor MD Jalal Uddin avrà una quarantina d’anni, se la sua foto su Facebook non è vecchia, e con ogni probabilità è arrivato in Italia dal Bangladesh con la famiglia per cercare lavoro. Avrei voluto saperne di più, ma deve essere un tipo riservato: sono riuscito a capire solo che gli piace il biliardo […]

Continue reading about Phone center

Nelle stesse ore in cui i giornali riportano che in Gran Bretagna gli scout hanno deciso di adottare la propria divisa alle ragazze musulmane che lo desiderano, perché possano frequentare il reparto e contemporaneamente indossare l’hijab, in Italia un gruppo di imbecilli picchia due giovani donne originarie della Tunisia, perché una delle due ha la […]

Continue reading about Cronaca vera

Inutile girarci intorno: la strage di oggi a Firenze non è una questione di nostalgie fasciste, così come l’incendio di sabato al campo rom di Torino non è una questione di ultras del calcio. Magari fossero fenomeni così circoscrivibili, mi verrebbe da dire, perché – per quanto gravi – per impedire il contagio basterebbe una […]

Continue reading about La malattia

Con una decina d’anni di ritardo, negli Usa si sono accorti che da noi il Grana padano non esisterebbe senza gli immigrati indiani. Da loro fanno i tassisti, da noi mungono mucche. Eppure, rileggendo la prima pagina dell’International Herald Tribune di oggi, mi è venuto il dubbio che qualcuno in Italia ancora non se ne […]

Continue reading about Made in Italy

Poche ore dopo aver firmato l’accordo con la Tunisia, Bossi ha rischiato di farlo saltare con una battuta (“Siamo costretti a fidarci di loro”) degna di quell’uscita berlusconiana sulla presidente finlandese che nel 2005 indusse il governo di Helsinki a convocare il nostro ambasciatore. O di quella sui desaparecidos argentini, ricorderete, che fece passare un […]

Continue reading about C’è poco da ridere

Due buone notizie e una premessa. La premessa: se non lo avete già fatto, andatevi a leggere il post che Marco Bracconi, uno dei miei preferiti, ha pubblicato ieri nel suo blog su Repubblica: un corsivetto sull’eroismo berlusconiano, in cui ci si diverte un po’ sull’etimologia del termine che il nostro presidente del Consiglio, con […]

Continue reading about L’Italia normale

Non so ancora se a marzo si voterà davvero oppure no – oggi il mio personalissimo cartellino dà le elezioni al 25%, con il restante 75% così diviso: 33% Berlusconi-bis, 17% altro premier di Centrodestra, 25% governo tecnico – ma appare chiaro che, per l’attuale presidente del Consiglio, la campagna elettorale è già cominciata. C’è […]

Continue reading about Il cerchio si chiude