Warning: Illegal string offset 'lang' in /web/htdocs/www.andreasarubbi.it/home/wp-content/plugins/keyword-statistics/keyword-statistics.php on line 353

Warning: Illegal string offset 'keywords' in /web/htdocs/www.andreasarubbi.it/home/wp-content/plugins/keyword-statistics/keyword-statistics.php on line 354

Warning: Illegal string offset 'description' in /web/htdocs/www.andreasarubbi.it/home/wp-content/plugins/keyword-statistics/keyword-statistics.php on line 356

Puglia

Il primo provvedimento di un certo rilievo dopo la pausa d’agosto è arrivato in Aula oggi, ma in realtà è già vecchio di un mesetto abbondante: una settimana dopo l’informativa alla Camera del ministro Clini sull’Ilva, infatti, il decreto per il risanamento ambientale dell’area di Taranto era già in Gazzetta ufficiale, preceduto – tra l’altro […]

Continue reading about Primo passo

Mettiamola così: di tutte le forze politiche intervenute oggi in Aula, nella discussione sull’Ilva di Taranto, nessuna ha chiesto la chiusura degli impianti. Probabilmente lo avrebbero fatto i Verdi, se fossero stati in Parlamento, ripetendo il programma elettorale (piuttosto inverosimile, in verità) di Bonelli alle amministrative di Taranto: chiusura dell’area a caldo e impiego dei […]

Continue reading about Tra il lavoro e la vita

Pure i sassi sanno che, nelle polemiche interne alla Lega, pesa molto la partita solitaria di Roberto Maroni, che ormai vuole dare l’impressione di muoversi autonomamente e che mira a costruirsi un’immagine da statista. Dopo due anni di paziente tessitura, ieri pomeriggio il ministro ha strappato la tela, mostrando all’Italia che per assomigliare a De […]

Continue reading about Lo statista mancato

La cosa che mi fa più arrabbiare, in queste ore, è sentire i commenti del Centrodestra sulla sconfitta del Pd alle primarie di Milano. Da loro, che moriranno senza sapere cosa siano le primarie, ogni parola in merito mi sembra ridicola: finché nomini i candidati per telefono, come ha fatto ieri Berlusconi riconfermando la Moratti, […]

Continue reading about Saturno contro

Dopo tante chiacchiere, sono arrivati i numeri: quelli di una ricerca SWG, presentata ieri dai cristiano sociali, sul voto dei cattolici praticanti alle ultime Regionali. Cattolici praticanti significa, per capirci, frequentatori abituali della Messa: una categoria che non rappresenta dunque la maggioranza degli elettori, ma che comunque misura il feeling tra questo o quel partito […]

Continue reading about Questione di feeling

Pomeriggio Cinque è una di quelle trasmissioni popolari che spaziano su ogni fronte, un intrattenimento leggero in cui temi alti e bassi si mescolano con facilità: un programma pomeridiano di Canale 5 che sta alla politica come il settimanale Chi sta a Micromega. Ma siccome la concezione elitaria della politica ha un po’ rotto le […]

Continue reading about Un bel problema

“Bonino e Bresso, il cattolico non è fesso”. Dai microfoni di Radio Maria, padre Livio canta vittoria. E ci può stare, come ci sta uno sfottò dopo un derby, anche se la riflessione meriterebbe un approfondimento.  Così come meriterebbe un approfondimento l’intervista di monsignor Fisichella sul Corriere della sera di ieri: conservatela in archivio, perché […]

Continue reading about Se il cattolico non è fesso

Mi dispiace per Nicola La Torre, ma della giustizia pugliese ad orologeria mi frega poco. Perché se uno si lamenta dell’arresto di Frisullo – arrivato proprio alla vigilia delle elezioni, e qualche dubbio potrebbe venire pure a me – poi non può prendersela se Berlusconi si lamenta delle intercettazioni di Trani, visto che anche queste […]

Continue reading about L’approccio talebano

Da un punto di vista logico, e se vogliamo pure etico, Emma Bonino ha ragione: le liste per le Regionali possono essere presentate solo da chi raccoglie le firme, ma se non sei un grande partito con un’organizzazione capillarmente diffusa devi sperare almeno che i tuoi potenziali elettori vengano a saperlo dalla tv. Cosa che […]

Continue reading about Piccolo particulare

Vendola ha vinto, D’Alema ha perso: noto che è questa l’interpretazione ricorrente, e non mi costerebbe nulla aggregarmi al gruppo, tanto più che al congresso ero dall’altra parte. Ma siccome il congresso è finito da un pezzo, non cedo alla tentazione facile dell’antidalemismo e mi imbarco in un’impresa più faticosa e meno redditizia: quella di […]

Continue reading about Il gioco dell'Opa