Politica Estera

Non ci saranno baciamani né lezioni di Corano, e già da questi dettagli la visita di Mario Monti in Libia comincia bene. Ma domani si gioca una partita abbastanza grossa almeno su un paio di fronti: i gruppi di pressione più influenti – Eni in testa – puntano naturalmente sull’aspetto economico della vicenda, con la […]

Continue reading about Senza quei due

Sulla cooperazione internazionale ci eravamo lasciati male, malissimo. Non so quanti di voi lo ricordino, ma c’era stata una lite sui soldi tra Frattini e Tremonti: il primo a inizio estate aveva anticipato alcuni fondi, per non bloccare i progetti in corso, con la promessa di restituzione da parte del secondo; arrivati al dunque, però, […]

Continue reading about Si cambia davvero?

La guerra non sarà uno sport per signorine, d’accordo, e può anche darsi che la morte del raìs abbia effetti positivi sul conflitto interno, ma non è questa la giustizia che sognavo. Avrei voluto vedere Mohammed Gheddafi davanti alla Corte dell’Aja, e sentirlo parlare, e rispondere delle accuse di crimini contro l’umanità. E magari, persa […]

Continue reading about Lo scalpo del tiranno

I dieci anni della guerra in Afghanistan se ne sono andati senza uno straccio di discussione in Parlamento. Sarebbe stato un passaggio difficile, lo ammetto, ma necessario: perché certamente ci sono controindicazioni sia nel restare che nell’andar via, ma questo non può essere un alibi per non discuterne. Tagliare la politica estera fuori dal dibattito […]

Continue reading about 10 more years?

Mi piacerebbe vivere in un mondo, e in un Paese, in cui non ci fosse bisogno di appelli del genere. Ma la situazione in Corno d’Africa è drammatica, e pensare di risolverla con i quattro soldi della nostra cooperazione internazionale è ridicolo: approfitto, allora, della giornata di mobilitazione indetta dai vescovi per invitare tutti, credenti […]

Continue reading about Di fame si muore

Non ho nulla di personale contro Mario Sechi, per carità: anzi, personalmente non lo conosco neppure e politicamente – fra i vari commentatori di Centrodestra in circolazione – non mi pare certo tra i peggiori. Ma oggi ci ho discusso animatamente, via twitter, per questa storia di Berlusconi e delle intercettazioni: il suo editoriale sul […]

Continue reading about Character suicide

In una giornata politicamente di transizione – che ha visto l’Aula impegnata su provvedimenti bipartisan, in attesa che arrivi la manovra dal Senato – la notizia del giorno alla Camera è l’audizione di Frattini sulla Libia: la prima dopo la caduta del regime di Gheddafi e dopo almeno due mesi di silenzio. Escluso il presidente […]

Continue reading about Un bel puzzle

L’unico risultato che sono riuscito a portare a casa, sul decreto missioni che la Camera ha appena convertito in legge, è stato un risultato di bandiera: grazie ad un mio emendamento pluripartisan – che ho scritto con Pezzotta (Udc), Di Stanislao (Idv) e Di Biagio (Fli), ma che è stato firmato anche da altri deputati […]

Continue reading about Quattro soldi

Fa sempre un certo effetto leggere di carri armati fra le case e di bombe contro la folla, ma ad essere sinceri il massacro di oggi nella città ribelle di Hama non ci coglie, purtroppo, impreparati: è da tempo evidente, infatti, che senza un intervento della comunità internazionale non si risolverà nulla. Chi ha il […]

Continue reading about Qualcuno faccia qualcosa

Eravamo rimasti alla morte di Vittorio Arrigoni, sperando che qualcuno se ne ricordi ancora, ma in questi giorni Vittorio vive sulla “Stefano Chiarini”, la nave italiana della Freedom Flotilla 2 che dovrebbe portare gli aiuti umanitari a Gaza. Dico dovrebbe, ma forse – visti gli accadimenti di queste ore – sarebbe più opportuno il condizionale […]

Continue reading about Stay human