Onu

Oggi è venuto alla Camera Lobsang Sangay, capo del governo tibetano in esilio: da quando – poco più di un anno fa – il Dalai Lama si è ritirato dall’attività politica, per dedicarsi completamente a quella spirituale, è lui che rappresenta ai massimi livelli la causa del Tibet. Mentre ne parlavo in diretta, sui social […]

Continue reading about E li chiamano terroristi

Nel suo ultimo numero, Famiglia cristiana dedica un approfondimento al tema degli F35, che dovrebbe arrivare in Aula entro una settimana o al massimo due. A me hanno chiesto una riflessione personale, da pubblicare sul loro sito, partendo dalla mia esperienza di cristiano impegnato in politica e messo di fronte a scelte – come quella […]

Continue reading about Dalla parte di Isaia

I momenti in cui normalmente si parla di politica estera nell’Aula di Montecitorio sono quelli in cui c’è qualche italiano sequestrato o ucciso fuori dai confini, o quelli in cui il governo viene a chiedere soldi per le missioni internazionali. Per il resto, ben poco. Ma ieri pomeriggio si è discusso di Sahel e di […]

Continue reading about Di fame si muore ancora

Le immagini provenienti dalla Siria fanno ribrezzo. E vergogna di appartenere al genere umano. Hanno ragione i ribelli a chiedere l’intervento dell’Onu, con una convocazione urgente di un Consiglio di sicurezza finora bloccato dai veti: la diplomazia ci sta provando in vari modi (l’ultima cartuccia è stata il viaggio di Kofi Annan, che ha trascorso […]

Continue reading about La vergogna di Homs

Avevo ragione, ma non canterò vittoria. Innanzitutto, perché mi dispiace ancora che su quella faccenda del trattato con la Libia gran parte del mio partito arrivò impreparata, rendendosi conto solo nei mesi successivi delle sue conseguenze negative. Ricordo addirittura le dichiarazioni di due dirigenti dell’epoca, Rutelli e Fassino, a favore della legittimità dei respingimenti. Eravamo […]

Continue reading about Vittoria triste

Per la prima volta dall’inizio della legislatura, ho deciso di votare a favore del decreto missioni. Le altre volte mi ero astenuto oppure, su richiesta del gruppo Pd, ero rimasto in Aula senza votare. Non l’ho fatto a cuor leggero, perché rimango sempre un obiettore di coscienza, ma rispetto ai decreti del governo precedente ci […]

Continue reading about Timidi passi

Certi fatti è difficile derubricarli a coincidenza, anche se magari lo sono. Il fatto, voglio dire, che nella Giornata mondiale dei diritti umani vengano uccisi in Siria 24 civili, fra i quali 4 bambini, non può lasciare indifferente la comunità internazionale, che proprio oggi – Onu in testa – celebra la sagra delle frasi ad […]

Continue reading about Il massacro dimenticato

In una giornata politicamente di transizione – che ha visto l’Aula impegnata su provvedimenti bipartisan, in attesa che arrivi la manovra dal Senato – la notizia del giorno alla Camera è l’audizione di Frattini sulla Libia: la prima dopo la caduta del regime di Gheddafi e dopo almeno due mesi di silenzio. Escluso il presidente […]

Continue reading about Un bel puzzle

Ad ascoltare Silvio Berlusconi, che nello sproloquio sulla crisi economica ha dipinto l’Italia come il Paese dei balocchi, c’era oggi pomeriggio Roberto Maroni, venuto in Aula con dieci minuti di anticipo sul presidente del Consiglio ma con un’ora di ritardo sulla propria dignità. Non c’era infatti, il ministro dell’Interno, quando il Parlamento discuteva della morte dei […]

Continue reading about Noi non siamo così