Nuovi Italiani

Sadiq Khan è sindaco di Londra, come Fiorello La Guardia lo fu di New York. E qui è ancora una notizia.

Continue reading about The English lesson

Cronaca sentimentale di una giornata emozionante, quella di ieri, in cui mi sarebbe piaciuto essere ancora parlamentare.

Continue reading about Meglio piuttosto

La discussione sulla cittadinanza ai nuovi italiani sembra iscritta all’albo dei temi che tornano a riva a ogni cambio di legislatura, per poi finire inghiottiti dalle onde dell’emergenza e riperdersi sul fondo del mare. Non c’è il clima, si ripete ogni volta. Non sono queste le priorità, si argomenta con saccenza. E l’Italia resta ferma […]

Continue reading about Si ricomincia?

La Camera ha approvato ieri pomeriggio, nella Giornata dell’infanzia, una mozione che impegna il governo sulla cittadinanza ai minori: in teoria dovrei cantare vittoria, salutando il frutto di un lungo lavoro che mi vede coinvolto in prima linea da luglio 2009; in pratica sono ormai troppo smaliziato per entusiasmarmi, dopo quattro anni e mezzo di […]

Continue reading about Too little, too late

È la quarta volta dall’uscita di scena di Berlusconi, e dunque dalla caduta del governo a trazione leghista, che il presidente della Repubblica interviene sul tema della cittadinanza ai figli degli immigrati. Uno: la cerimonia per i nuovi italiani al Quirinale. Due: l’incontro con le comunità evangeliche, sempre al Quirinale. Tre: il messaggio di fine […]

Continue reading about Ci giriamo intorno

Alla fine mi toccherà ringraziare Beppe Grillo, perché con la fesseria che ha detto è riuscito a riportare la cittadinanza al centro del dibattito politico. Sulla sua uscita non aggiungo molto a quello che ho già scritto pubblicamente, nei social network e nei comunicati stampa: una persona abituata a ragionare per paradossi a volte perde […]

Continue reading about Italiani vecchi e nuovi

Nella prima uscita pubblica da ministro dell’Integrazione, dedicata a una delle realtà italiane più complicate, Andrea Riccardi ha detto un paio di cose sulla cittadinanza ai nuovi italiani che secondo me vale la pena riprendere. La prima è che non si tratta di una forzatura da parte di nessuno, ma di “un atto dovuto e […]

Continue reading about Una flebo di coraggio

Pensavo che Giorgio Napolitano avesse già detto tutto nell’incontro dell’altro giorno al Quirinale, quando ha esortato il Parlamento a ripartire dalle convergenze già in atto. Invece, una settimana dopo, il presidente della Repubblica c’è andato giù ancora più pesante, definendo “una follia” il fatto che i figli degli immigrati, nati e cresciuti in Italia, non […]

Continue reading about Calcio di rigore

Chiudo gli occhi e faccio un sogno: un Paese in cui gli immigrati regalano ogni anno un miliardo e mezzo di euro allo Stato che li ospita; in cui abbassano l’età media della popolazione (44 quella degli autoctoni, 32 la loro) e danno una grossa mano al sistema previdenziale con i 7 miliardi e mezzo […]

Continue reading about L’Italia reale