Mondiali

Avevo pensato ad un mandato di estradizione, ma non trattandosi di una persona pare che non sia possibile. Poi mi è venuto in mente l’Ufficio III della Farnesina, quello che si occupa della restituzione di opere d’arte illecitamente trafugate, ma l’oggetto in questione non è neppure un quadro del Botticelli. Provare con una rogatoria mi […]

Continue reading about Aridatece er porpo

Viste le ultime sparate, nel vero senso della parola, non è che Mario Balotelli ci stia dando una grossa mano nella campagna mediatica per i nuovi italiani. Se facesse il muratore, per dire, magari qualche ultrà interista di destra lo avrebbe già pestato in qualche rissa da bar. Ma oggi, signori miei, parliamo di calcio, […]

Continue reading about Caro Prandelli

Ieri, durante la partita, le notizie arrivavano in Aula abbastanza frammentate. Non pareva neppure di essere nella società globalizzata, quella in cui sono abbattuti i confini dello spazio: sembravamo piuttosto gli spettatori delle trasmissioni sulle tv locali, quelle dell’era pre-Sky, quelle che non hanno i diritti televisivi per le partite di campionato e allora gli […]

Continue reading about Senza merito

Non era mai successo, dall’inizio della legislatura, che la Camera si riunisse in seduta fiume. In notturna (fino a mezzanotte) era già capitato, ma mai ad oltranza come stanotte: una notte lunghissima, considerando che era iniziata alle 17 di ieri e che presumibilmente terminerà oggi pomeriggio, Italia dei valori permettendo. I mass media ricameranno sulle […]

Continue reading about Seduta fiume

Non ho capito ancora se siano bravi loro a provocare o fessi noi a cascarci, ma di certo c’è che la Lega è bravissima – come si dice a Napoli – a friggere il pesce con l’acqua: ormai ha lanciato un marchio che va avanti da solo, anche quando sotto il vestito non c’è niente. […]

Continue reading about Il fumo e l’arrosto

Quando chiede ai calciatori di stringere la cinghia, Roberto Calderoli è l’imitazione perfetta di mia madre, che si lamenta di “tutti questi miliardi” e conclude, inesorabilmente, che “è una vergogna”. Quando gli controbatte con fare sdegnato, Ignazio La Russa è l’imitazione quasi perfetta di mio padre, con l’unica differenza che il ministro difende i soldi […]

Continue reading about Il pensiero semplice