Mercati

Bill Emmott, già direttore dell’Economist, non è certamente accusabile di simpatie berlusconiane. Anzi, fu proprio sotto la sua direzione che il settimanale britannico definì Berlusconi unfit, inadatto, a governare. Ma vede l’Italia come una bella addormentata, da svegliare al più presto: su questa tesi ha costruito anche un docufilm (Girlfriend in a coma) sulle ragioni […]

Continue reading about L’Italia in coma

Tra le riflessioni intelligenti lette in queste ore, in un lunedì particolarmente nero per i mercati, quelle di Leonardo Becchetti hanno il pregio di essere comprensibili anche dai non addetti ai lavori. Becchetti, a me molto vicino per formazione umana, è un economista molto serio, che insegna a Tor Vergata e si occupa da anni […]

Continue reading about La crisi spiegata a mia zia

Continua a stupirmi l’atteggiamento dell’Italia dei valori di fronte alla possibilità di un governo Monti. Cioè, stupirmi non è la parola giusta, perché l’affidabilità di Tonino Di Pietro è pari a quella di Marco Pannella: diciamo che mi amareggia, perché ho sempre in mente la distinzione di De Gasperi fra i politici che pensano alle […]

Continue reading about Il gioco del cerino

Con il Quirinale particolarmente attivo all’ora di cena – ieri la nota sulle dimissioni di Berlusconi, oggi la nomina di Mario Monti a senatore a vita – ormai bisogna aspettare la sera inoltrata per scrivere due righe senza il bisogno di doverle buttare un minuto dopo. Sono giornate che durano mesi, in cui gli avvenimenti […]

Continue reading about L’ora di Monti?