Mediterraneo

Fidarsi della Libia e rompere con un pezzo del proprio mondo: il Pd prende un bel rischio sui migranti, e non c’è più Alfano su cui scaricare tutto.

Continue reading about I rischi di Minniti

Pareggio con rimonta per l’Italia contro l’Olanda: un anno per uno al Consiglio di sicurezza dell’Onu. Storia e commento di una votazione emozionante.

Continue reading about Un piccione e mezzo

Il 28 giugno, l’Onu vota i 5 nuovi membri del Consiglio di sicurezza 2017-2018. Noi siamo in campagna elettorale da 2 anni e siamo messi abbastanza bene.

Continue reading about Un posto tra i grandi

Non è bello celebrare la Giornata mondiale del rifugiato con la notizia del nuovo accordo con la Libia. Che in realtà è quello vecchio, con la differenza che al posto di Gheddafi ora c’è il governo transitorio: “Non credo che gli accordi tra governi precedenti possano essere rimessi in discussione”, dice oggi alla Stampa il […]

Continue reading about A volte ritornano

Nonostante le visite abbastanza frequenti nel corso di questi anni, non siamo ancora riusciti a portare all’attenzione dell’opinione pubblica la situazione nei Cie: un po’ perché ai giornalisti è stato costantemente negato l’ingresso, un po’ perché l’immigrazione in Italia diventa argomento di dibattito solo quando c’è un episodio di cronaca nera. E così, con un […]

Continue reading about Peggio del carcere

Sono ricominciati gli sbarchi e, con loro, le tragedie. Con il centro di accoglienza di Lampedusa dichiarato inagibile dopo l’incendio dell’anno scorso, e con l’isola che non vuole rivivere il film del 2011: l’appello del sindaco è che si lascino i migranti nell’isola il meno possibile (“il tempo di sfamarli, di visitarli e di trasferirli […]

Continue reading about La lezione del 2011

Avevo ragione, ma non canterò vittoria. Innanzitutto, perché mi dispiace ancora che su quella faccenda del trattato con la Libia gran parte del mio partito arrivò impreparata, rendendosi conto solo nei mesi successivi delle sue conseguenze negative. Ricordo addirittura le dichiarazioni di due dirigenti dell’epoca, Rutelli e Fassino, a favore della legittimità dei respingimenti. Eravamo […]

Continue reading about Vittoria triste

Per la prima volta dall’inizio della legislatura, ho deciso di votare a favore del decreto missioni. Le altre volte mi ero astenuto oppure, su richiesta del gruppo Pd, ero rimasto in Aula senza votare. Non l’ho fatto a cuor leggero, perché rimango sempre un obiettore di coscienza, ma rispetto ai decreti del governo precedente ci […]

Continue reading about Timidi passi

In una giornata politicamente di transizione – che ha visto l’Aula impegnata su provvedimenti bipartisan, in attesa che arrivi la manovra dal Senato – la notizia del giorno alla Camera è l’audizione di Frattini sulla Libia: la prima dopo la caduta del regime di Gheddafi e dopo almeno due mesi di silenzio. Escluso il presidente […]

Continue reading about Un bel puzzle

Ad ascoltare Silvio Berlusconi, che nello sproloquio sulla crisi economica ha dipinto l’Italia come il Paese dei balocchi, c’era oggi pomeriggio Roberto Maroni, venuto in Aula con dieci minuti di anticipo sul presidente del Consiglio ma con un’ora di ritardo sulla propria dignità. Non c’era infatti, il ministro dell’Interno, quando il Parlamento discuteva della morte dei […]

Continue reading about Noi non siamo così