Magistratura

La morte di Loris D’Ambrosio, consigliere del presidente della Repubblica, sta tirando fuori il peggio da un’Italia in cui faccio fatica a riconoscermi: non so chi sia stato a cominciare, ma arrivati a questo punto sto perdendo le speranze. L’attenuante c’è, ed è quella di un Paese che ha assistito a troppe stragi senza colpevole, […]

Continue reading about Fuori il peggio

Nonostante avessi 20 anni e fossi uno studente di Scienze politiche da un anno e mezzo, con una decina di esami sul libretto, fino al giorno della strage di Capaci non mi ricordo di avere avuto una coscienza politica vera e propria. Volontariato molto, ma per l’uomo: lo Stato era per me qualcosa di lontano, […]

Continue reading about Vent’anni

Quando ho sentito Di Pietro argomentare che, dopo il voto di ieri sui magistrati, la gente verrà a prenderci con i forconi, ho avuto la netta sensazione che pure un politico sempre connesso con gli umori popolari abbia bisogno di un aggiornamento. L’argomento era valido – dal suo punto di vista, intendo – a Berlusconi […]

Continue reading about Il trappolone

Un’ora e dieci di intervento sulla giustizia, senza nominare mai la parola intercettazioni. Senza parlare di leggi ad personam, di prescrizioni brevi e di processi lunghi, di lodi più o meno costituzionali per salvare il capo. E già questa è una notizia grandiosa, non so se mi spiego, dopo 3 anni e mezzo in cui […]

Continue reading about And justice for all

Mi dispiace per Nicola La Torre, ma della giustizia pugliese ad orologeria mi frega poco. Perché se uno si lamenta dell’arresto di Frisullo – arrivato proprio alla vigilia delle elezioni, e qualche dubbio potrebbe venire pure a me – poi non può prendersela se Berlusconi si lamenta delle intercettazioni di Trani, visto che anche queste […]

Continue reading about L’approccio talebano