Maghreb

Pure ieri, sul prato di Pontida, la Lega è tornata ad agitare lo spettro dell’invasione dal Nordafrica: deve essere un fantasma in grado di terrorizzare parecchi elettori del Centrodestra, se è vero che mercoledì alla Camera Berlusconi porrà un limite temporale alle operazioni militari in Libia. Lo maschererà da sacrosanta preoccupazione per i civili uccisi, […]

Continue reading about Facciamo due conti?

Non so a voi, ma a me la lettera di Giorgio Napolitano sul Corriere della Sera di oggi, a proposito delle tragedie nel Mediterraneo, ha messo una tristezza infinita. Lo dico innanzitutto ai nostri mezzi di informazione, che concentrano su di sé i peggiori difetti del giornalismo: la mancanza di indipendenza, il provincialismo, l’attenzione morbosa […]

Continue reading about 1685

Voglio raccontarvi di Lampedusa, perché ancora non ci sono riuscito: concentrato su quello che ci è successo – a proposito: ho presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno, insieme a Furio Colombo, per chiedere le ragioni del divieto di ingresso nei centri di prima accoglienza – non ho potuto condividere l’idea che mi sono fatto, l’aria che […]

Continue reading about L’isola stuprata

C’è una cosa che mi fa sorridere – amaramente, si capisce – in tutta questa faccenda degli immigrati giunti dal Nordafrica: è l’arrabbiatura dei leghisti contro il resto dell’Europa, che non vuole aiutarci. Quelli che erano abituati a considerarsi il nord del mondo si ritrovano, improvvisamente, meridionali: imparano in queste ore – perché nessuno glielo […]

Continue reading about Terroni d’Europa

Poche ore dopo aver firmato l’accordo con la Tunisia, Bossi ha rischiato di farlo saltare con una battuta (“Siamo costretti a fidarci di loro”) degna di quell’uscita berlusconiana sulla presidente finlandese che nel 2005 indusse il governo di Helsinki a convocare il nostro ambasciatore. O di quella sui desaparecidos argentini, ricorderete, che fece passare un […]

Continue reading about C’è poco da ridere

Avrei voluto raccontarvi di Lampedusa, di come sono ospitati nei centri di accoglienza gli immigrati ancora rimasti sull’isola, della situazione dei minori – che sono gli ultimi a partire – e dell’impegno delle varie associazioni umanitarie al fianco dei disperati. Avrei voluto e lo avrei pure fatto, se mi avessero lasciato entrare. Invece, quando Furio […]

Continue reading about L’inconveniente

Bombe, siluri, razzi ed aeromobili in Arabia Saudita; armi o sistemi d’arma in Australia; apparecchiature per la direzione del tiro ed aeromobili in Corea del Sud; bombe, siluri e razzi in Egitto; aeromobili, apparecchiature per la direzione del tiro e munizioni negli Emirati Arabi; aeromobili e navi da guerra in India; aeromobili e veicoli terrestri […]

Continue reading about Made in Italy

Ho un’idea personale su quello che sta accadendo a Lampedusa: ne sono piuttosto convinto, anche se purtroppo non posso provarla. La mia idea è che il governo abbia temporeggiato non per incapacità, che già sarebbe grave, ma per tattica: non per colpa, insomma, ma per dolo. Istintivamente, verrebbe da dire – come ha fatto Bersani […]

Continue reading about L’emergenza dolosa

Quando ieri mattina ho incontrato Laura Boldrini, alla conferenza del Pd sull’immigrazione, era appena tornata da Lampedusa. E ci ha raccontato di non aver mai visto l’isola in quelle condizioni: di giorno le file per il cibo, di notte un immenso dormitorio a cielo aperto. Le immagini sono già andate in onda nei telegiornali, quindi […]

Continue reading about Buonanotte

Su una cosa, una cosa sola, Roberto Maroni ha ragione: sul fatto che le migliaia di disperati in fuga dalle coste nordafricane non sono un problema della sola Italia, ma di tutta l’Europa. Perché la posizione geografica non può essere una colpa o un alibi, a seconda che si stia parlando di noi o della […]

Continue reading about Il muro del Maghreb