Lettieri

Se avevamo una possibilità di competere con il tycoon Berlusconi sul piano della comunicazione politica, questa possibilità era il cambio di registro, e l’abbiamo sfruttata nel modo migliore: l’articolo di Curzio Maltese su Repubblica di oggi lo spiega molto bene, raccontando come la chiave autoironica ci abbia aiutato a ridicolizzare la macchina della paura messa […]

Continue reading about Voti in libertà

Nell’euforia diffusa di questi giorni, tra i deputati del Partito democratico io sono probabilmente uno dei meno gasati: tanto che ieri, in Parlamento, un collega su due mi si avvicinava per chiedermi se stessi bene. “Sto pensando a Napoli”, rispondevo, e l’interlocutore commentava: “Ti capisco. Ma che cosa ti aspettavi? Ce lo siamo meritato”. Ce […]

Continue reading about Elettroshock

È abbastanza difficile fare una valutazione complessiva del voto di oggi. E non solo perché, mentre scrivo, alcune cose sono ancora da verificare – tipo il risultato di Bologna, che non ho ancora capito se sia di vittoria al primo turno oppure no – ma anche perché qualcosa è andata bene, qualcun’altra benissimo, altre ancora […]

Continue reading about Tre stelle e mezzo

La prima riflessione che ti viene in mente, camminando in questi giorni per le strade piene di monnezza, è ben sintetizzata da Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera di oggi, in un pezzo dedicato alle amministrative partenopee: “come possono ambire, persone con la testa sul collo, a farsi carico di tutte le grane che […]

Continue reading about Il prenditore

Per come si erano messe le cose dopo le primarie, la situazione a Napoli sta andando meglio del previsto. Va abbastanza bene sul fronte delle alleanze, nel senso che abbiamo un candidato sindaco sostenuto da buona parte del Centrosinistra (oltre a noi, Sel, Verdi, socialisti), e con la stessa Idv abbiamo firmato un accordo in […]

Continue reading about Gioco pulito