Idv

A chi continua a interrogarsi sulle possibilità di una Grosse Koalition anche dopo le elezioni bisognerebbe far vedere il film di questi giorni nelle due Aule del Parlamento: dalle cose grandi a quelle piccole, è tutto un darsi di gomito tra Pdl e Lega, che evidentemente si stanno preparando a unire le proprie debolezze nel […]

Continue reading about Il dilemma del prigioniero

Se avesse potuto, durante l’intervento di Di Pietro, Elsa Fornero gli avrebbe tolto volentieri la parola: scuoteva la testa, commentava con il collega Giarda (“Non capisce!”), gesticolava. Per fortuna nostra, però, questa volta è stata zitta, perché tra le doti di questo ministro c’è quella straordinaria di dire anche le cose giuste nel modo sbagliato: […]

Continue reading about Bersaglio facile

La polemica del giorno, perché una polemica bisogna farla sempre, è sull’incandidabilità per legge dei condannati in via definitiva. Finora non c’era nessuna norma, e da un punto di vista logico sarebbe anche giusto: se a un partito viene in mente di candidare personaggi impresentabili, gli elettori non lo votano e quel partito scompare. Il […]

Continue reading about Verso la normalità

Alla fine, come sospettavamo da tempo, l’unico modo per far passare il ddl anticorruzione sarà il prendere o lasciare: o il Pdl si piega alle tre fiducie che il governo ha messo stamattina su altrettanti articoli del provvedimento, oppure si prende la responsabilità di mandare Monti a casa domani stesso. Dal punto di vista economico, […]

Continue reading about Prendere o lasciare

Nessuna richiesta di aiuto internazionale, un decreto in scrittura, 3700 uomini e 670 mezzi della Protezione civile impegnati nelle zone terremotate; qualche decisione di emergenza è già stata presa la settimana scorsa dal governo (sospensione dell’Imu) e dal Parlamento (160 milioni dalla tranche di rimborsi elettorali), qualcos’altro (tipo l’allentamento del patto di stabilità) dovrebbe essere […]

Continue reading about Emergenza continua

La differenza tra una maggioranza tecnica e una politica si è vista tutta oggi in Sala del mappamondo, dove erano riunite in congiunta le commissioni Affari costituzionali e Giustizia per l’esame del ddl anticorruzione. In teoria non ne farei parte, in pratica mi è stata chiesta una sostituzione per una collega impegnata nel suo collegio […]

Continue reading about Se chiama il capo

Come al solito, ai risultati elettorali si può far dire tutto e il contrario di tutto. C’è Alfano che ha lodato il radicamento territoriale del Pdl, Rutelli (uno dei fondatori del Partito democratico!) che si è avvinghiato al successo del leghista Tosi, Casini che festeggia i rari ballottaggi dei suoi candidati, la Lega che fa […]

Continue reading about Tre cose sul voto

Visto che le cifre dell’Agcom sono perennemente in ritardo e spesso illeggibili, il Pd ha monitorato per conto suo il pluralismo dell’informazione nelle ultime tre settimane di campagna elettorale, dall’11 aprile al 3 maggio: abbiamo un osservatorio, fondato dal mio collega ed ex presidente Rai Roberto Zaccaria, che si è messo a studiare i tg […]

Continue reading about Impar condicio

Oggi me la cavo con poco: una prima pagina di giornale e un’autocitazione. Inizio dalla prima pagina, che è quella (odierna) del Fatto quotidiano. Titolo: “In un Paese di ladri”. Poi nel sommario si mette tutto nel calderone: “dopo il caso Lusi (Margherita), l’impudenza di Bossi e famiglia foraggiati con i soldi dei cittadini dimostra […]

Continue reading about Il partito degli scontenti

Non commento l’intervista di Monti alla Stampa, per non dare fiato al dibattito sui possibili scenari nel 2013: con chi vada il Pd tra un anno, ammesso che vada con qualcuno, è un problema abbastanza secondario rispetto alle questioni grosse (spesa pubblica, giustizia, lavoro, rilancio dell’economia, trasparenza della politica) che ci attendono nei prossimi mesi. […]

Continue reading about Senza te