Giovani

La Camera ha approvato ieri pomeriggio, nella Giornata dell’infanzia, una mozione che impegna il governo sulla cittadinanza ai minori: in teoria dovrei cantare vittoria, salutando il frutto di un lungo lavoro che mi vede coinvolto in prima linea da luglio 2009; in pratica sono ormai troppo smaliziato per entusiasmarmi, dopo quattro anni e mezzo di […]

Continue reading about Too little, too late

Quando a inizio anno abbiamo cambiato la macchina, perché non entravamo più in quella di prima, ho avuto un momento di commozione: ho guardato per l’ultima volta la Classe A nera, 7 anni e 160 mila chilometri, e l’ho accarezzata come se fosse una persona. Aveva visto nascere i miei figli, ci aveva portato in […]

Continue reading about Fine di un ciclo

Mi riallaccio all’ultimo passaggio di ieri, quello sulla legge elettorale, e parto da una simulazione illustrata oggi da Salvatore Vassallo in un incontro a Roma sulla cosiddetta “agenda Monti”: sull’atteggiamento del Pd, cioè, rispetto alle riforme avviate in quest’ultimo anno di legislatura e a quelle ancora da fare. Con la nuova legge elettorale di cui […]

Continue reading about Agenda Monti

Più vado negli Stati Uniti, e la cosa si ripete da vari anni con quell’invenzione meravigliosa che è lo scambio casa, più mi accorgo socraticamente di non conoscerli abbastanza. Mi limito quindi a raccontare due o tre cose che mi hanno colpito in queste settimane, con la mente alla convention democratica che proprio oggi sta […]

Continue reading about Four years later

Forse oggi abbiamo detto addio alla possibilità di approvare la riforma della cittadinanza in questa legislatura. Ci avevamo un po’ sperato con il cambio di governo, ma le ripetute dichiarazioni da Palazzo Chigi (“lasciamo che a decidere sia il Parlamento”) ci avevano smorzato presto gli entusiasmi: non dovevamo aspettarci grandi aiuti da Monti, impegnato su […]

Continue reading about Non è bastato

L’etichetta di ipermontiani, appiccicata da qualche commentatore politico all’iniziativa di ieri, è evidentemente una caricatura: come ha detto Marco Follini, “Monti non è il Papa e noi non siamo le guardie svizzere”. In quel noi c’è comunque un pezzo di Pd – ma non solo del Pd, va detto – convinto che, dopo un anno […]

Continue reading about Le colpe dei padri

Stavolta non mi limito al solito tema dell’Italia che cambia, che mi occupa più sere alla settimana nei dibattiti dedicati alla cittadinanza dai vari circoli Pd: stavolta approfitto di Mario Balotelli per parlare anche dell’Italia che non cambia, di un Paese mentalmente pigro e impreparato a raccontare cose nuove. Grazie a un paio di goal […]

Continue reading about Ancora qui?

Rispetto ai miei timori della vigilia, fatta di evitabilissime battute al vetriolo su Matteo Renzi (“portaborse” e “pappagallo della destra”) e di scalcinati dossier al veleno (la Rosa tricolore, fantomatico progetto berlusconiano per sostenere il sindaco di Firenze), il Big bang di oggi è andato benissimo: facce sorridenti, esperienze positive di buon governo, tanta roba […]

Continue reading about Il problema vero

Il tema del congresso di Cittadinanzattiva, in corso a Chianciano, riguarda da vicino la politica: si parla infatti di costruzione, di innovazione e di fiducia. Oggi mi hanno invitato per un intervento e sono partito dalla fine: la sfiducia nelle istituzioni come punto di partenza – a cominciare dal caso Napolitano, che reputo incredibile – […]

Continue reading about Società civile

Alia Malek è una giornalista e scrittrice americana – Baltimore native, come si definisce sulla bio di twitter – di origini siriane, autrice del libro “A Country Called Amreeka” (sottotitolo: “US History ReTold Through ArabAmerican Lives”) che meriterà una trattazione a parte. L’altro giorno, mentre parlavo con lei dei minori nati e cresciuti qui, mi […]

Continue reading about Prima generazione