Francia

“La Camera non va in vacanza”, ha detto Laura Boldrini ai deputati prima di salutarli per la pausa estiva. Che formalmente pausa non è, ma assomiglia un po’ alla reperibilità dei medici o dei piloti, perché – ha ricordato la presidente – “Commissioni e Aula possono essere convocate in qualsiasi momento”. Non è una novità […]

Continue reading about Non multa, sed multum

Dopo quella della settimana scorsa sulle carceri italiane, dalla Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo sono arrivate tre sentenze molto interessanti sulla laicità. Una delle quali, pur trattando di vicende britanniche, in sostanza smonta l’impianto concettuale della legge francese del 2004 sul divieto di ostentare simboli religiosi: una legge passata all’epoca quasi all’unanimità […]

Continue reading about Oh, my God

Battaglia vinta, finalmente: il sì dell’Italia alla cooperazione rafforzata per la tassa sulle transazioni finanziarie è una notizia che molti di noi aspettavano da una decina d’anni, e se non fosse arrivato al posto di Berlusconi un alunno di James Tobin probabilmente avremmo dovuto aspettare ancora. Chi parla di una tassa in più probabilmente ha […]

Continue reading about Battaglia vinta

Il lato buono della vicenda è che abbiamo fatto prestissimo: a meno di due giorni dal momento in cui ho depositato l’interpellanza urgente sulla Tobin tax, il governo era già in Aula a rispondere. Se fosse sempre così, il Parlamento funzionerebbe molto meglio. Il lato cattivo è che il sottosegretario è stato molto tiepido, buttandola […]

Continue reading about Passa il treno

Siamo arrivati al bivio su un argomento che mi vede impegnato da inizio legislatura: la tassa sulle transazioni finanziarie, che quattro anni e mezzo fa sembrava un’utopia e che oggi invece appare una possibilità concreta. Merito di Francia e Germania che, nonostante il diverso colore dei propri governi, hanno sbloccato lo stallo in sede europea: […]

Continue reading about Al bivio

Il giornalista che andasse a misurare per strada la preoccupazione degli italiani per l’Europa la troverebbe probabilmente grandissima, ma per la semifinale di stasera con la Germania. Il Consiglio europeo di oggi e domani – e forse sabato, e forse anche domenica, se la disponibilità di Monti di trattare a oltranza verrà accolta – è […]

Continue reading about Sostegno a fette

Con tutto il rispetto per i legittimi aspiranti a Palazzo Chigi, compresi quelli del Centrosinistra, l’idea che oggi Monti ha lasciato al Parlamento è che siamo nelle migliori mani possibili in un momento così difficile. Lo scrivo senza piaggeria – anzi, conscio del tasso di impopolarità che questa affermazione potrà suscitare in alcuni – ma […]

Continue reading about Alla pari

È sempre difficile paragonare la situazione politica di due Paesi diversi, perché ognuno ha una sua specificità; ma la differenza tra l’Italia e la Francia è certamente minore di quella che passa tra un uomo e un topo, eppure nei nostri laboratori si continuano a praticare esperimenti sui topi pensando che aiutino a guarire le […]

Continue reading about Parenti stretti

Alla vigilia delle presidenziali, i francesi residenti all’estero hanno ricevuto un malloppo dal Consolato: un foglio di istruzioni sullo svolgimento del voto e dieci brochure elettorali, una per candidato, con i programmi di ognuno. Sono chiaramente opera dei rispettivi comitati elettorali e riassumono in un foglio A3 piegato in quattro gli impegni di ogni candidato: […]

Continue reading about Elezioni al tempo della crisi

Dopo le ragioni del sì ribadite da Monti, oggi il Parlamento è tornato a parlare di Tav con una mozione che impegna il governo a stanziare 100 milioni per i territori interessati nella provincia di Torino, e nessun partito ha detto di essere contrario all’opera. Lo dico subito, per essere chiari: neppure chi generalmente cavalca […]

Continue reading about A proposito di Tav