Fli

Riassunto della situazione per non addetti ai lavori. Bersani vince le primarie del Pd e il povero Silvio – schivata la minaccia di Renzi, che lo avrebbe costretto alla pensione – decide di giocarsi il tutto per tutto: d’altra parte i sondaggi danno il Pdl in calo e il Pd in ascesa (vista Repubblica di […]

Continue reading about Leali sì, ingenui no

La più importante scossa di assestamento dopo il terremoto elettorale mi sembra la morte in culla del Terzo Polo, annunciata ieri sera da Casini con una doppietta mediatica (per i vecchietti l’intervista al Tg1, per i gggiovani un tweet) che non mi pare sia stata preceduta da grande dibattito interno. Non so nemmeno se lo […]

Continue reading about Il polo sciolto

La prima cosa che mi ha colpito, nell’audizione di oggi in Commissione Difesa, è stata la provenienza politica dei deputati presenti: ad ascoltare Rete Disarmo e Sbilanciamoci sugli F35 eravamo per due terzi del Pd, con un piccolo drappello della Lega e un-deputato-uno di Pdl e Udc. No Fli, no Idv, no Responsabili, no Api. […]

Continue reading about Guerre stellari

È difficile parlare di Tav senza entrare in una polemica dai toni duri, nonostante la stragrande maggioranza degli italiani abbia votato partiti che dichiaratamente la sostengono: si tratta di un’opera che – come ha ricordato il nostro Emanuele Fiano in Aula – “viene realizzata dopo aver compiuto tutto l’iter istituzionale e democratico delle scelte che […]

Continue reading about Un clima pericoloso

Avevo ragione, ma non canterò vittoria. Innanzitutto, perché mi dispiace ancora che su quella faccenda del trattato con la Libia gran parte del mio partito arrivò impreparata, rendendosi conto solo nei mesi successivi delle sue conseguenze negative. Ricordo addirittura le dichiarazioni di due dirigenti dell’epoca, Rutelli e Fassino, a favore della legittimità dei respingimenti. Eravamo […]

Continue reading about Vittoria triste

Con la caduta del governo Berlusconi e il conseguente cambio degli equilibri in Parlamento, non è che nelle votazioni più recenti ci sia tutto questo pathos: Lega (e talvolta Idv) da una parte, resto del mondo dall’altra. Oggi, però, si è rivista la conta dei vecchi tempi, e per di più a scrutinio segreto, sull’autorizzazione […]

Continue reading about Come cambia il mondo

Che la fiducia di oggi sarebbe stata meno scontata del previsto lo dicevano ieri, in Transatlantico, proprio alcuni deputati della maggioranza. Ma non ci abbiamo creduto più di tanto, perché immaginavamo che nelle 24 ore successive Berlusconi avrebbe trovato argomenti convincenti per tutti.  Così è stato, e con 316 voti il governo è sopravvissuto anche […]

Continue reading about Silvio’s bazar

La colonna sonora del giorno è indubbiamente The sound of silence, di Simon e Garfunkel, perché quei banchi vuoti parlano da soli. Dicono che almeno mezza Italia è stufa di un presidente del Consiglio tutto chiacchiere e distintivo: al di là delle storie politiche di ognuno, e forse anche al di là delle collocazioni future dei vari […]

Continue reading about The sound of silence

La politica è un po’ come il calcio, nel senso che l’italiano medio pensa di essere contemporaneamente un grande statista e un ottimo allenatore della Nazionale. Non mi stupisce, dunque, che la scelta del Pd di abbandonare l’Aula domani, per non legittimare la richiesta di fiducia da parte di Silvio Berlusconi, stia raccogliendo in giro […]

Continue reading about Tutti fuori

Mi piacerebbe credere alla notizia dei 45 fuggiaschi dal Pdl, davvero. Non che non siano vere le cene di corrente, o i mal di pancia, o tutto il resto: semplicemente, non credo che alla fine Scajola abbia il coraggio di andarsene davvero, sfidando il mare aperto senza neppure la prospettiva di un porto in cui […]

Continue reading about Ho visto un film