Famiglia

Mentre si continua a parlare di un nuovo soggetto politico dei cattolici, come del resto avviene ciclicamente dall’inizio della Seconda Repubblica, in questo fine settimana le Acli hanno detto una cosa importante: “Preferiamo rischiare – cito le parole del presidente, Andrea Olivero, all’incontro nazionale di Orvieto – piuttosto che stare cinicamente alla finestra a giudicare”. […]

Continue reading about Le Acli si schierano

Il decreto sviluppo non è la soluzione a tutti i problemi dell’Italia, per carità. Ma è simbolicamente importante – lo dicevo ieri – perché mette finalmente una crocetta nella colonna lasciata finora vuota da Monti: ci dice che nessun governo, nemmeno uno di emergenza, può pensare di rimettere in moto un Paese fermo senza dargli […]

Continue reading about Si riparte?

Corrado Passera non ama l’espressione “fase due”, perché sostiene che il governo abbia guardato alla crescita anche nei mesi passati; in realtà, se dobbiamo essere sinceri, il decreto sviluppo arriva con qualche mese di ritardo, perché da novembre ad oggi Monti si è concentrato quasi esclusivamente sul rigore. In ogni caso, il testo su cui […]

Continue reading about Fase due

Per amore del Partito democratico non mi metto a scrivere interventi, che pure mi sono stati richiesti, sulla ricostruzione della vicenda diritti: temo infatti che finirebbero nel frullatore delle polemiche e sinceramente non mi va di fare il contraltare di nessuno. Neppure di chi si meriterebbe una risposta acida, visto che sta rilasciando, in questi […]

Continue reading about Pd, guardie svizzere e cigni di Popper

Quando chiesi di far parte del Comitato diritti del Pd, un annetto e mezzo fa, lo feci per un atto di amore verso il progetto del Partito democratico: a differenza di alcuni miei colleghi, più preoccupati di rappresentare un’ala dura e pura, sono profondamente convinto che sporcarsi le mani sia sempre meglio che tenerle in […]

Continue reading about La risposta che manca

Alia Malek è una giornalista e scrittrice americana – Baltimore native, come si definisce sulla bio di twitter – di origini siriane, autrice del libro “A Country Called Amreeka” (sottotitolo: “US History ReTold Through ArabAmerican Lives”) che meriterà una trattazione a parte. L’altro giorno, mentre parlavo con lei dei minori nati e cresciuti qui, mi […]

Continue reading about Prima generazione

La prima impressione, dopo aver sentito l’audizione di Andrea Riccardi in Commissione Affari Sociali, è che se il governo riuscisse a fare metà delle cose che ha in mente sarebbe già un buon risultato: non solo in termini relativi – il predecessore alla Famiglia, il mitico Giovanardi, aveva addirittura autodenunciato la propria irrilevanza e minacciato […]

Continue reading about L’ammortizzatore

Per una serie di ragioni anche un po’ strane – fra cui un mio colloquio piuttosto casuale con Angelino Alfano, qui alla Camera – in Commissione Affari Sociali è ripreso oggi l’esame di un provvedimento importante che il governo ci aveva affossato. Ne avevo già parlato: è quello che in gergo chiamiamo “Dopo di noi” […]

Continue reading about Ci riproviamo

Il piano contro la povertà presentato oggi dal governo è la cosa migliore messa in piedi da Monti in questi primi 6 mesi a Palazzo Chigi. Avevo cominciato a dubitarne, dico la verità, perché se ne parlava da tempo ma non si vedeva nulla di concreto; si sapeva del lavoro sotterraneo di Fabrizio Barca, che […]

Continue reading about Era ora

È già da un pezzo che il concertone di San Giovanni non mi piace più, perché è rimasta solo la forma ma si è persa la sostanza. Così come non mi piace la versione ideologizzata del primo maggio, quella degli oppressi contro i padroni, perché l’Italia si salva tutta insieme e chissà come sarebbe nel […]

Continue reading about Buon primo maggio