Di Pietro

All’alba del 24 giugno 2010, in piena seduta fiume della Camera sul decreto che tagliava i finanziamenti alle fondazioni liriche, un deputato Pd chiese privatamente a Di Pietro fino a quando sarebbero andati avanti con l’ostruzionismo, che durava già da una ventina d’ore. “Fino ai tg dell’ora di pranzo”, rispose l’ex pm, che però poi […]

Continue reading about La Resistenza è un’altra cosa

In questa legislatura ho sempre pensato una cosa dei miei colleghi Idv: che fossero – con le dovute eccezioni – persone in gamba se presi uno per uno, ma deleteri se presi tutti insieme. E ho sempre creduto che se avessero avuto qualche procedura più democratica al loro interno non avrebbero fatto tante fesserie, visto […]

Continue reading about Due destini

Qualche settimana fa, prima dell’estate, tra i banchi dell’Idv alcuni deputati facevano un giochino sul futuro governo Idv-Movimento 5 Stelle: a Di Pietro avevano dato la Giustizia, a Grillo non mi ricordo ma credo la presidenza del Consiglio, poi mi pare che ci fosse De Magistris agli Interni, e via a seguire. Pochi giorni fa, […]

Continue reading about Troppo tardi

Lo sciopero della fame non è un mio strumento di lotta politica, forse perché al digiuno volontario ho sempre dato – e continuo a farlo – un significato spirituale molto profondo, legato alla mia fede cristiana. Ma le azioni nonviolente di scuola radicale mi appassionano comunque, e in generale mi appassiona chi si fa paladino […]

Continue reading about La protesta di Roberto

La morte di Loris D’Ambrosio, consigliere del presidente della Repubblica, sta tirando fuori il peggio da un’Italia in cui faccio fatica a riconoscermi: non so chi sia stato a cominciare, ma arrivati a questo punto sto perdendo le speranze. L’attenuante c’è, ed è quella di un Paese che ha assistito a troppe stragi senza colpevole, […]

Continue reading about Fuori il peggio

Non commento l’intervista di Monti alla Stampa, per non dare fiato al dibattito sui possibili scenari nel 2013: con chi vada il Pd tra un anno, ammesso che vada con qualcuno, è un problema abbastanza secondario rispetto alle questioni grosse (spesa pubblica, giustizia, lavoro, rilancio dell’economia, trasparenza della politica) che ci attendono nei prossimi mesi. […]

Continue reading about Senza te

Il mio problema è che conosco Leoluca Orlando da parecchi anni e gli voglio pure bene: umanamente parlando, per me oggi è una giornataccia. Ma bisogna saper distinguere i piani, e dire che la sua candidatura a Palermo è un colpo basso, ben sotto il livello della cintura, che mette un solco enorme tra noi […]

Continue reading about Colpo basso

Dalle condizioni di vita dei detenuti nelle carceri, ha detto dieci giorni fa a Catania il ministro Severino, si misura lo stato di civiltà di un Paese. E lo svuotacarceri, decreto dal contenuto migliore del nome, nasce proprio in risposta a questo bisogno. Poi uno può essere d’accordo o meno, purché argomenti le sue posizioni […]

Continue reading about La strana coppia

Non mi ero ancora reso conto del commissariamento fino a quando non li ho visti tutti schierati, sottosegretari compresi, per la prima volta ai banchi del governo. L’altra volta, per la fiducia, i sottosegretari ancora non esistevano. E poi era una fiducia su un programma di largo respiro, insomma, e uno poteva coglierci quello che […]

Continue reading about La prima pillola

Non vorrei essere un aspirante sottosegretario, perché a questo punto sarei già morto d’infarto. Premessa, prima ancora di cominciare: i sottosegretari non sono un’invenzione dell’ultima ora né un orpello inutile, come pontificano certi commentatori che non hanno mai messo piede in una Commissione parlamentare; averne 80 è una follia – e l’Unione ha fatto scuola, […]

Continue reading about Nella palude