Democrazia

Dal no a Bersani al sì a Verhofstadt; dallo streaming alle trattative riservate: il M5S cambia faccia ma non perde elettori. Politica o religione?

Continue reading about Atto di fede

L’ultima polemica si chiama Moreno, e stavolta non è l’arbitro ecuadoriano dei mondiali in Corea del Sud ma il rapper di Amici invitato a chiudere la festa Pd di Genova. Una bella polemica interna del filone Fonzie: la seconda puntata della stagione attuale, se si parte dall’episodio Renzi-De Filippi; l’ennesima, se si guarda un po’ […]

Continue reading about Il piano inclinato

La pressione della rete è il nuovo burattinaio della politica italiana: l’accusa – rivolta soprattutto ai parlamentari più giovani, e dunque generazionalmente più attivi su internet – è infatti quella di essersi lasciati condizionare, se non addirittura telecomandare, dalle centinaia di messaggi ricevuti nelle ore drammatiche del voto sul nuovo presidente della Repubblica. A smartphone […]

Continue reading about Under pressure?

Fra le varie cose che Barack Obama ha detto stanotte, nel discorso di ringraziamento, vorrei importarne gratis in Italia almeno una: il senso di comunità, di famiglia. Retorica d’ordinanza? Può darsi, anche perché l’ultimo passaggio ad effetto (“Non esistono Stati rossi, repubblicani, e Stati blu, democratici: esistono solo gli Stati Uniti d’America”) era copiato pari […]

Continue reading about Four more years

Scopriamo dunque che il Movimento 5 Stelle non è democratico come alcuni credevano e speravano che fosse. L’intervista di Giovanni Favia è oggettivamente imbarazzante, le cose dette a microfoni spenti a Piazza pulita – qualcosa da dire sui fuorionda ce l’avrei, da giornalista, e un giorno ci torniamo su – alzano un velo che ora […]

Continue reading about Sulla riva del fiume

“Io il mio discorso l’ho fatto: ora preparate voi il discorso funebre per me”, disse Giacomo Matteotti alla Camera il 30 maggio 1924. Undici giorni dopo, venne ucciso davvero. Il mio 25 aprile di quest’anno voglio celebrarlo così, ricordando uno dei momenti più alti della storia dell’Aula: in un periodo in cui prevale la tentazione […]

Continue reading about Sia breve e concluda!

Dopo qualche settimana di pensa-che-ti-ripensa, che tra poco vi argomenterò, oggi sono andato a firmare per il referendum elettorale. L’ho fatto nella sede di Europa, giornale del Pd, che per l’occasione ha allestito un banchetto, attirando anche parecchi passanti in via di Ripetta: vedevano il manifesto sul portone, chiedevano informazioni al portiere e te li […]

Continue reading about Contra Porcellum

Non me la sento di gioire della figura barbina che questa maggioranza sta facendo in politica estera, perché sono prima di tutto un cittadino italiano. E non me la sento neppure di sparare addosso al Pdl, costretto ad arrampicarsi sugli specchi per salvare capra e cavoli, perché dopo aver sentito stamattina in Aula l’intervento di […]

Continue reading about La mozione ridicola

Se non ci fosse la polemica tra Pdl e Lega, tra l’altro in via di soluzione, lo strano bis di domani sulla Libia non avrebbe molto senso: non perché sia una faccenda di poco conto, per carità, ma perché il via libera alle operazioni militari lo abbiamo già dato (con molta sofferenza, da parte mia) […]

Continue reading about Lo strano bis

Sul pacifismo della Lega ho già scritto in altre occasioni, ma chi avesse ancora qualche dubbio può toglierselo leggendo il testo della mozione appena depositata alla Camera da Reguzzoni, dove sono elencate espressamente, prima ancora delle condizioni poste all’azione militare in Libia, le preoccupazioni padane. Una di queste è seria – quella che i missili […]

Continue reading about Nocumento