Cie

Avevo già scritto in più occasioni che i CIE sono peggio delle carceri, e non avevo ancora visto il CIE di Gradisca. Ci sono andato oggi, in una visita organizzata da una serie di associazioni – tra cui la campagna LasciateCIEntrare – e da un gruppo di amministratori locali che finora non avevano mai avuto […]

Continue reading about Il carcere degli innocenti

Due settimane fa a Trapani, la settimana scorsa a Gradisca (in provincia di Gorizia), oggi a Ponte Galeria, al confine tra il Comune di Roma e quello di Fiumicino: il trittico di visite dei parlamentari Pd nei Cie si è concluso nel posto che conosco meglio e dove ormai da un paio d’anni mi presento […]

Continue reading about I problemi di sempre

Nonostante le visite abbastanza frequenti nel corso di questi anni, non siamo ancora riusciti a portare all’attenzione dell’opinione pubblica la situazione nei Cie: un po’ perché ai giornalisti è stato costantemente negato l’ingresso, un po’ perché l’immigrazione in Italia diventa argomento di dibattito solo quando c’è un episodio di cronaca nera. E così, con un […]

Continue reading about Peggio del carcere

Abbiamo appena scoperto una cosa importante, grazie a un giudice di pace: che chi è nato in Italia, indipendentemente dalla cittadinanza dei propri genitori e addirittura dal loro status giuridico, non è espellibile. E per questo non può nemmeno essere rinchiuso in un Cie, come è invece capitato ai due fratelli Andrea e Senad, che […]

Continue reading about Italiani a metà

Dopo aver saputo – non da molti organi di stampa, per la verità – della nuova fuga di immigrati dal Cie e dell’ennesima battaglia con le forze dell’ordine,  oggi ho preso il motorino e sono corso a Ponte Galeria. L’ultima volta c’ero stato a fine luglio, all’indomani di un episodio simile; la prossima occasione sarà […]

Continue reading about Lo zoo di Bobo

Quando arrivò la notizia dell’aereo finito su una torre del World trade center, prima ancora che ci si rendesse conto di tutto, ero alla Rai. In una saletta del Salario, con l’aiuto di un amico regista, stavo preparando una cosa che pensavo mi avrebbe cambiato la vita, mentre non mi servì assolutamente a nulla: era […]

Continue reading about Enemy alien

Ad ascoltare Silvio Berlusconi, che nello sproloquio sulla crisi economica ha dipinto l’Italia come il Paese dei balocchi, c’era oggi pomeriggio Roberto Maroni, venuto in Aula con dieci minuti di anticipo sul presidente del Consiglio ma con un’ora di ritardo sulla propria dignità. Non c’era infatti, il ministro dell’Interno, quando il Parlamento discuteva della morte dei […]

Continue reading about Noi non siamo così

Le agenzie di stampa dicono che stanotte c’è stata una rivolta al Cie di Ponte Galeria, con alcuni poliziotti feriti. Vero, per carità: gli agenti sono 11, tutti refertati. Ma è curioso che nessuno dica una parola sugli immigrati feriti, e che per sapere qualcosa sia necessaria l’informazione semiclandestina: quella di Gabriele Del Grande su […]

Continue reading about La rivolta

Uno può trovare tutti i sinonimi che vuole, ma io un posto del genere lo chiamo carcere. Un posto, voglio dire, con grate alte una decina di metri, e 27 telecamere che vigilano 24 ore al giorno, e soldati dell’esercito a controllare i monitor, e poliziotti a darsi il cambio con carabinieri e Guardia di […]

Continue reading about LasciateCIEntrare